alice lifestyle leonardo marcopolo

Massimo Iosa Ghini affronta l’antico tema del dualismo tra materiale e immateriale con un’installazione fatta di ceramica e luce.
La prima, come terra plasmata dal fuoco, è il paradigma della materialità; la seconda è simbolo del pensiero impalpabile. Il passaggio dalla materia alla luce è espresso dalla giustapposizione tra la bellezza astratta della luce e l’essenza “terrigna” e concreta della ceramica.
Nella dualità tra luce e materia sta la genesi di ogni creazione.
L’installazione I-M-Material è composta da un grande ottagono percorribile al suo interno a cui sono appese, su un supporto specchiante, lastre in ceramica appartenenti alle nuove collezioni di Ceramiche Cerdisa, che si mettono in relazione con il contesto del Cortile dei Bagni.