A Milano una casa come una galleria d'arte
Decorare il camino per Natale
Una terrazza giardino sui tetti di Roma

Come arredare un terrazzo con stile: ecco un progetto davvero unico perchè le terrazze, così come i giardini, spesso sono vissute come piccoli scrigni segreti, in cui coltivare sogni e passioni.

Guarda la photogallery con tutte le immagini della terrazza

Siamo su unaterrazza della Capitale e quello che si vede da quassù è la Roma imperiale, in tutta la sua maestosa bellezza. Chiese, cupole, tetti e il Gianicolo, con la magia dei suoi tramonti, sfondano un lastrico di copertura di uno dei tanti palazzi cinquecenteschi: 330 mq da progettare come una vera casa a cielo aperto.

Gli architetti Luca Piscitelli e Filippo Arpaia, per questo intervento si sono dovuti misurare da un lato con i vincoli architettonici di un edificio storico, che porta la firma dell’architetto Carlo Maderno, e dall’altro con le esigenze di una committenza attenta e sensibile.

Il progetto della terrazza

Una vista mozzafiato sulla Capitale

ll progetto parte da qui e si spinge verso un nuova idea di spazialità open air. Leggerezza visiva e conquista del verde hanno guidato l’intervento, tutto incentrato sull’idea di spazio da abitare in quota. 

La zona pranzo con una vista spettacolare

L’aspetto più avvincente di questa progettazione è stata la relazione che si è andata a creare con le piante, anche grazie al consulente vivaista Alessandro Virgili.che ha creato una perfetta osmosi tra progetto architettonico e progetto verde.  C’è il giardino ornamentale, nella zona pranzo e living; c’è quello meditativo, nella zona piscina-solarium, e quello di ispirazione sud-americana, fatto di cactus, bamboo e pietre chiare.

La pavimentazione in legno di teak, che si alterna a quella in Kerlite, ben s’inserisce nella scelta botanica. Lo schema estetico che delinea l’area dedicata al benessere è sottolineato dal rincospermum a parete; la macchia mediterranea, poi, in primavera rifulge, creando romantici raccordi armonici. Il risultato è quello di un verde in movimento e dalla fioritura alternata, che dialoga con l’architettura e con il paesaggio circostante.

di Sonia Cocozza
foto di Gianni Franchellucci

 

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Vivere in città

Dal quartiere Eur, a sud di Roma, parte la SR 148 Pontina, la superstrada che arriva fino al Parco Nazionale del Circeo. In prossimità di tale splendido luogo si trova, immersa in una fitta vegetazione, la villa rurale nuovamente progettata dall’architetto Alessandro Palladino. GUARDA LA PHOTOGALLERY CON LE IMMAGINI DELLA CASA In un parco di 178.000 metri quadri, circondata da una fitta pineta ad alto fusto, la villa si sviluppa su 700 mq, con tetto a falde su tre livelli e quattro contrafforti che ne rafforzano l’assetto murario. La vegetazione anima e disegna il grande spazio a verde esterno, avvicendandosi a mezze collinette e lievi declivi, realizzati artificialmente dal recupero del terreno di risulta degli scavi. La piscina esterna, incorniciata tra le palme, rinfresca e condiziona la percezione di un ambiente che, per sua definizione sarebbe climaticamente torrido in estate. L’intervento, come sopra accennato, è di riprogettazione, poiché in questa fase l’architetto è dovuto intervenire su un precedente progetto. Il progetto della villa In virtù di una discreta altezza, infatti, sono stati realizzati tre distinti livelli: il piano terra (rialzato); il piano interrato a quota terreno, ed un soppalco sospeso sul piano rialzato. Entrando nell’ampia zona living, a colpire è un invasivo pilastro centrale, peraltro neanche corrispondente con il colmo delle falde, che ha poi ispirato il grande camino sospeso, e la scenografica parete vetrata. La luce, l’interazione tra gli spazi interni e quelli esterni e il movimentato avvicendamento dei piani e dei percorsi interni, sono le direttrici sulle quali ha proceduto il progettista. La cucina, lo studio e la zona notte sono posizionate sul livello intermedio rialzato che, in coincidenza dell’ingresso, si collega alla rampa di scale sospesa che raggiunge il livello soppalcato, dedicato alla zona tv e lettura. Dal medesimo ingresso, un’altra scala scende al livello inferiore, a quota terra, dove si trova la zona pranzo (una soluzione davvero poco pratica), un ulteriore living con camino, la zona fitness con piscina interna. Alcune scelte distributive, a dire il vero poco condivisibili da chi scrive, sono state perentoriamente suggerite dalla stessa committenza al progettista. A conferma del fatto che ogni scelta progettuale è figlia di un compromesso originario, che il bravo progettista deve mediare e poi dissimulare con soluzioni alternative. Credits di Pio Daniele Mizzau foto di Marina Papa profetto di: architetto Alessandro Palladino
CONDIVIDI

Vivere in città

Siamo in un grande appartamento nel centro di Torino (mq 280) dapprima sede di uffici, oggi destinato a residenza, suddiviso ed arredato dall’architetto Fabio Fantolino. La planimetria è regolare, un semplice rettangolo organizzato con una grande zona giorno, scandita in successione dallo spazio pranzo, con tavolo e sedie imbottite; lo spazio salotto con poltroncine istituzionali e un morbido sofà intorno al tavolo basso, e lo spazio tv, un tripudio di comode, avvolgenti e soffici poltrone. La resina e il rovere bruno spazzolato sono i materiali che principalmente si avvicendano.  E poi la cassettiera sospesa, il piano del tavolo da pranzo, fino alle singolari mensole poste a corona dei pilastri centrali  dell’ambiente. Questi ultimi - elementi strutturali ma anche vani tecnici per il passaggio dei cavi condominiali - ubicati nella zona centrale del soggiorno, sono rivestiti verticalmente con fogli di metallo scuro e sezionati orizzontalmente da lame di rovere. Non pago di invenzioni, l’architetto ha inserito tra le mensole anche un camino a bioalcool di dimensioni ridotte. La cucina è posizionata nella porzione laterale alla destra dell’ingresso ed è divisa dalla zona living attraverso una parete segnata da due aperture di collegamento. Il disimpegno ricavato accoglie una dispensa, impreziosita con legni d’epoca montati a vecchio schedario e funge da filtro con la zona tecnica di preparazione e cottura, anch’essa disegnata su misura e caratterizzata dall’isola centrale, rivestita da un piano in pietra e da finiture in rovere bruno. Agli spazi del la zona notte, volutamente ridotti, si accede superando in successione i due ambienti-vezzo della proprietaria. Dopo un primo disimpegno, separato dalla zona giorno da un’ampia porta scorrevole, si accede alla camera dell’ospite con bagno, mentre un secondo disimpegno, pure con porta scorrevole, è il fulcro della suite padronale, che comprende, sul lato sinistro, la grande camera guardaroba; al centro, il blocco vasca-doccia-lavabo con annesso   ma distinto spazio per i sanitari e, sul lato destro, la camera padronale. La pianta regolare dell’appartamento può aver forse aiutato il progettista a dividere gli spazi senza grossi problemi, ma la giustificazione di una zona giorno così importante la si scopre solo conoscendo la committente: una dinamica e giovane professionista che ama ricevere ospiti e, soprattutto condividere socialmente anche gli  spazi più domestici, come quelli di casa propria. GUARDA LA PHOTOGALLERY CON TUTTE LE IMMAGINI DELLA CASA di Pio Daniele Mizzau foto di Manuela Cerri progetto: arch. Fabio Fantolino
CONDIVIDI

Vivere in città

Se avete amato il film "La Grande Bellezza", Premio Oscar 2014 come miglior film straniero, ecco le immagini di una villa spettacolare sulla Cassia Antica, utilizzata tra le location del film. GUARDA LA PHOTOGALLERY CON LE IMMAGINI DELLA CASA Il progetto di ristrutturazione di questa villa degli anni ’60, è stato curato dall'architetto Jacopo Mascheroni di JM Architecture.  La villa, articolata su tre livelli, è stata riprogettata in modo tale da impiantare in ogni livello una singola funzione. Il livello seminterrato è dedicato ad attività ludiche e di relax. A questo livello una grande spa è interamente rivestita in teak ed ospita una vasca da 6 x 2,5 metri in cui è possibile praticare nuoto controcorrente. Separata da questo locale da una parete vetrata, è stata predisposta una sala giochi. I due ambienti che vengono percepiti come un unico spazio grazie alla trasparenza del vetro affacciano su un patio da cui ricevono illuminazione naturale, dove si può accedere anche per fruire di un ambiente esterno privato e riparato dalla vista dell’immediato circostante. Il piano terra, che ospita attività diurne, è caratterizzato da una distribuzione funzionale su due fasce a sinistra e a destra dell’ingresso che vede rispettivamente la cucina, il tinello e la sala da pranzo da una parte e dall'altra il salotto e lo studio. La dislocazione delle stanze è organizzata in una sequenza che permette di raggiungere ciascuno degli ambienti dall'ingresso senza percorrerne gli altri e che allo stesso tempo li tiene in stretta comunicazione. Questo livello è stato pensato in forte relazione con l’esterno. Tutti gli ambienti godono di uno spazio esterno in quota con possibilità di accesso su cui si affacciano attraverso grandi vetrate. Così la sala ha la sua “proiezione” esterna su un patio parzialmente porticato, pavimentato in legno e caratterizzato da inserti in ghiaia che delineano zone percorribili e zone contemplative. Al primo livello sono sistemate le camere da letto, le relative cabine armadio e i bagni. Tutte le camere sono state dotate, su richiesta della committenza, di scrittoio, tv al plasma e minibar integrati con l’arredo. Per quanto riguarda i materiali utilizzati, grande spazio è dato in questa ristrutturazione al legno naturale. Oltre al Teak, l’essenza principale, che contribuisce a conferire la specifica dominante cromatica calda, è l’acero canadese, utilizzato come impiallacciatura per le pavimentazioni e di massello per rivestimenti a parete. Anche il progetto degli esterni che interessa i 1800 metri quadri di giardino intorno alla villa è caratterizzato dall’uso del legno. Questa volta si tratta di Ipe che circonda l’abitazione e fa da piattaforma alla piscina esterna. Pavimentazione in legno, inserti in ghiaia bianca, prato e bambù sono i materiali della sistemazione esterna. Progetto: Jacopo Mascheroni-JM Archtecture
CONDIVIDI
Segui Leonardo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv