A Milano una casa come una galleria d'arte
Decorare il camino per Natale
Una terrazza giardino sui tetti di Roma

Come arredare un terrazzo con stile: ecco un progetto davvero unico perchè le terrazze, così come i giardini, spesso sono vissute come piccoli scrigni segreti, in cui coltivare sogni e passioni.

Guarda la photogallery con tutte le immagini della terrazza

Siamo su unaterrazza della Capitale e quello che si vede da quassù è la Roma imperiale, in tutta la sua maestosa bellezza. Chiese, cupole, tetti e il Gianicolo, con la magia dei suoi tramonti, sfondano un lastrico di copertura di uno dei tanti palazzi cinquecenteschi: 330 mq da progettare come una vera casa a cielo aperto.

Gli architetti Luca Piscitelli e Filippo Arpaia, per questo intervento si sono dovuti misurare da un lato con i vincoli architettonici di un edificio storico, che porta la firma dell’architetto Carlo Maderno, e dall’altro con le esigenze di una committenza attenta e sensibile.

Il progetto della terrazza

Una vista mozzafiato sulla Capitale

ll progetto parte da qui e si spinge verso un nuova idea di spazialità open air. Leggerezza visiva e conquista del verde hanno guidato l’intervento, tutto incentrato sull’idea di spazio da abitare in quota. 

La zona pranzo con una vista spettacolare

L’aspetto più avvincente di questa progettazione è stata la relazione che si è andata a creare con le piante, anche grazie al consulente vivaista Alessandro Virgili.che ha creato una perfetta osmosi tra progetto architettonico e progetto verde.  C’è il giardino ornamentale, nella zona pranzo e living; c’è quello meditativo, nella zona piscina-solarium, e quello di ispirazione sud-americana, fatto di cactus, bamboo e pietre chiare.

La pavimentazione in legno di teak, che si alterna a quella in Kerlite, ben s’inserisce nella scelta botanica. Lo schema estetico che delinea l’area dedicata al benessere è sottolineato dal rincospermum a parete; la macchia mediterranea, poi, in primavera rifulge, creando romantici raccordi armonici. Il risultato è quello di un verde in movimento e dalla fioritura alternata, che dialoga con l’architettura e con il paesaggio circostante.

di Sonia Cocozza
foto di Gianni Franchellucci

 

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Vivere in città

Un interessante progetto di ristrutturazione che punta su una originale divisione degli ambienti. Collocato nel cuore del centro storico di Torino, nei pressi della suggestiva piazza Carlo Alberto, l’intervento consiste nella creazione di un nuovo appartamento di circa 150 mq, ricavato dalla fusione di due tagli adiacenti e dalla loro ristrutturazione integrale. Il progetto si caratterizza per la suddivisione degli spazi con volumi che si compenetrano. Intrecci di volumi ma anche di materie, con l’accostamento di cemento ferro e legno e  il tocco del rosso “fuoco”, originale fil rouge di tutto lo spazio abitato. L'ingresso è su un ampio ambiente giorno a doppio affaccio che si organizza attorno a un blocco centrale ribassato. Cucina a scomparsa da un lato, mobile TV e libreria dall’altro, questo elemento permette di suddividere idealmente l’area salotto relax e la sala da pranzo conservando la percezione di un grande ambiente unico e luminoso. Nella stessa ala della casa, sempre in diretto collegamento con l’ambiente giorno, si trova la prima “suite” notte composta da un antibagno passante che suddivide la camera da letto tramite una porta vetrata e il piccolo bagno caratterizzato dallo sfondato della doccia sospesa che sporge sulla camera da letto celata all’interno del blocco di castagno. Questo particolare intreccio di volumi permette di creare un ambiente bagno confortevole, seppure in pochi metri quadri, massimizzando la percezione dell’ampiezza dello spazio nella stanza da letto. Dalla parte opposta del salone si sviluppa la zona notte principale: una cabina armadio passante, costituita da pareti armadio su misura utilizzabili sia dall’interno che dall’esterno delle camere, distribuisce la camera da letto matrimoniale, la sala da bagno e la sala giochi. La sala da bagno è disegnata sull’idea di un piccolo percorso spa: attraversando la doccia con un paio di gradini si accede alla vasca, il tutto all’interno di una sorta di “grotta” stilizzata in cui il microcemento del pavimento prosegue più scuro a parete e come rivestimento delle murature. In fase di ristrutturazione alcuni elementi già presenti nell'appartamento sono stati valorizzati, come i soffitti a cassettoni e il parquet nelle camere, le travi a vista nella zona giorno, i quadrotti recuperati nel solaio intarsiati come elementi di decoro nei nuovi arredi su misura. Credits Progetto di Studio Archisbang Foto di Alessio Gioana
CONDIVIDI

Vivere in città

Dal quartiere Eur, a sud di Roma, parte la SR 148 Pontina, la superstrada che arriva fino al Parco Nazionale del Circeo. In prossimità di tale splendido luogo si trova, immersa in una fitta vegetazione, la villa rurale nuovamente progettata dall’architetto Alessandro Palladino. GUARDA LA PHOTOGALLERY CON LE IMMAGINI DELLA CASA In un parco di 178.000 metri quadri, circondata da una fitta pineta ad alto fusto, la villa si sviluppa su 700 mq, con tetto a falde su tre livelli e quattro contrafforti che ne rafforzano l’assetto murario. La vegetazione anima e disegna il grande spazio a verde esterno, avvicendandosi a mezze collinette e lievi declivi, realizzati artificialmente dal recupero del terreno di risulta degli scavi. La piscina esterna, incorniciata tra le palme, rinfresca e condiziona la percezione di un ambiente che, per sua definizione sarebbe climaticamente torrido in estate. L’intervento, come sopra accennato, è di riprogettazione, poiché in questa fase l’architetto è dovuto intervenire su un precedente progetto. Il progetto della villa In virtù di una discreta altezza, infatti, sono stati realizzati tre distinti livelli: il piano terra (rialzato); il piano interrato a quota terreno, ed un soppalco sospeso sul piano rialzato. Entrando nell’ampia zona living, a colpire è un invasivo pilastro centrale, peraltro neanche corrispondente con il colmo delle falde, che ha poi ispirato il grande camino sospeso, e la scenografica parete vetrata. La luce, l’interazione tra gli spazi interni e quelli esterni e il movimentato avvicendamento dei piani e dei percorsi interni, sono le direttrici sulle quali ha proceduto il progettista. La cucina, lo studio e la zona notte sono posizionate sul livello intermedio rialzato che, in coincidenza dell’ingresso, si collega alla rampa di scale sospesa che raggiunge il livello soppalcato, dedicato alla zona tv e lettura. Dal medesimo ingresso, un’altra scala scende al livello inferiore, a quota terra, dove si trova la zona pranzo (una soluzione davvero poco pratica), un ulteriore living con camino, la zona fitness con piscina interna. Alcune scelte distributive, a dire il vero poco condivisibili da chi scrive, sono state perentoriamente suggerite dalla stessa committenza al progettista. A conferma del fatto che ogni scelta progettuale è figlia di un compromesso originario, che il bravo progettista deve mediare e poi dissimulare con soluzioni alternative. Credits di Pio Daniele Mizzau foto di Marina Papa profetto di: architetto Alessandro Palladino
CONDIVIDI

Vivere in città

Dialogare a tu per tu con il mare e con i suoi colori, ecco cosa ci ha catturati. Comincia così il racconto della proprietaria. “Le nostre idee erano molto chiare, sapevamo bene cosa volevamo: una casa ariosa e con una vista impagabile sul mare. Quando abbiamo trovato questa casa abbiamo fatto in modo che diventasse al più presto nostra. Desideravamo uno spazio semplice, essenziale ma non per questo banale. Volevamo che vi si leggesse l’idea progettuale". [caption id="attachment_23301" align="alignnone" width="622"] Nel living, davanti al divano Bend Sofà disegnato da Patricia Urquiola per B&B Italia, i tavolini Fat-Fat Large, stesso marchio e designer. Intorno al tavolo Papiro, in cristallo, disegnato da Giugiaro Design per Fiam, sedie vintage degli anni Sessanta. Sullo scrittoio Ottocento napoletano in stile Maggiolini, campeggia una lampada di Mario Botta.[/caption] Da qui la decisione di affidare l’incarico di rileggere l’appartamento, di circa 140 metri quadri, all’architetto Giuseppe Antonio Martiniello. [caption id="attachment_23297" align="alignnone" width="622"] Alla parete, l’opera Petalo Scritto di Anne e Patrick Poirier, Galleria Alfonso Artiaco, Napoli. Alle spalle del tavolo, sul cassettone napoletano Luigi XVI, quadro di Vanessa Beecroft VB66, Galleria Lia Rumma.[/caption] Già dall’ingresso si coglie quel senso di spazialità tanto decantato dalla proprietaria e infatti si ha subito la piacevole sensazione di entrare in uno spazio ragionato, frutto di una progettazione consapevole e tagliata a misura delle esigenze della committenza. [caption id="attachment_23298" align="alignnone" width="622"] Già dall’ingresso si coglie il senso di una spazialità ragionata e funzionale.[/caption] “Progettare quest’interno”, interviene l’architetto Giuseppe Antonio Martiniello, “per me significava muovermi secondo una logica vicina al pensiero della committenza ma significava anche tirar fuori dallo spazio la vera anima della casa e della città. L’appartamento, che si presentava diviso secondo i canoni delle belle case borghesi napoletane, andava riletto in una chiave più fedele alla sua natura. L’idea di partenza è stata dunque quella di creare un cono ottico che mettesse in relazione il mare e la montagna di tufo.” [caption id="attachment_23303" align="alignnone" width="622"] La cucina, il modello Artematica di Valcucine, si articola in due sezioni, una dedicata al pranzo e l’altra più tecnica, all’operatività e alla cottura. Tavolo e sedie Tulip di Knoll, disegnati da Eero Saarinen.[/caption] La struttura e la divisione degli ambienti, oggi, non copre, non nasconde la gestualità quotidiana anzi la interpreta e la esalta. La qualità abitativa dello spazio è mutata, i tagli murari non chiudono la casa ma la aprono con leggerezza al panorama che non guarda solo al mare. [caption id="attachment_23302" align="alignnone" width="622"] La libreria, il modello Proxima di Natuzzi, illuminata dagli elementi Spot One di Viabizzuno, diventa lo spartiacque ideale tra la zona living e la cucina, oltre a rappresentare anche un elemento di snodo verso la zona notte. Sulla libreria una collezione di antichi mappamondi olandesi ed italiani e l’opera Venezia di Remo Brindisi. Sulla parete sinistra, l’opera di Mimmo Iodice che ritrae uno scorcio dell’interno del Palazzo dei Poveri a Napoli.[/caption] Il segno architettonico viene fuori anche da un altro elemento: la libreria bifacciale, pensata come un filtro aperto nello spazio. [caption id="attachment_23296" align="alignnone" width="622"] Nella camera padronale, il letto, posto al centro della stanza, guarda direttamente verso il mare. Alla parete, l’opera di Carla Viparelli “il Cielo Stellato”; angoliere siciliane del Settecento.[/caption]   Dal concetto di percorso libero sono nate le soluzioni degli ambienti notte. Anche qui si è voluto dare al panorama un ruolo da protagonista. In camera da letto, per esempio, il letto è stato posizionato al centro della stanza, frontalmente al panorama. Si tratta di soluzioni semplici, interpretate da materiali facili, che esaltano la purezza del progetto senza appesantirlo. GUARDA LA PHOTOGALLERY DELLA CASA  di Sonia Cocozza foto di Gianni Franchellucci progetto: Architetto Antonio Giuseppe Martiniello – KellerArchitettura
CONDIVIDI
Segui Leonardo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv