I.O.C: l'arredo ufficio firmato Lema
La villa sul mare di Davide Rosso
Trattative riservate

Parte la nuova serie di "Trattative Riservate", il programma dedicato al mercato immobiliare di Leonardo.

In compagnia di Marina Perzy, e di esperti del settore immobiliare impariamo a conoscere come valutare un immobile. Dimore importanti e affascinanti, castelli, megaville: da vendere o da comprare.

In ogni puntata sono illustrate due dimore di una determinata città e Marina in ogni casa incontra l'esperto immobiliare (per conoscere le motivazioni d'acquisto, le tendenze del mercato...) e l'architetto (che farà apprezzare la casa nei suoi punti di forza strutturali).
Marina in questo caso non è soltanto una spettatrice curiosa, ma si cala nei panni del possibile acquirente "testando" le case personalmente e porgendo le giuste domande e osservazioni.

Le case vengono mostrate nella loro collocazione nel territorio per verificare quali siano le bellezze e la cultura del territorio in cui è ubicata la casa.

Per scoprire quante risorse, tutte italiane, possano arricchire una scelta di vita.

A proposito della quarta serie ci racconta Marina Perzy: "Parte una nuova edizione di Trattative Riservate per il piacere dei tanti affezionati che mi seguono e che colgo l’occasione per ringraziare. Amate sognare, curiosare e scoprire insieme a me tante bellissime location in vendita ma anche le storie dei proprietari o degli edifici stessi. Anche questa volta so che vi stupirò: insieme all’appartamento in città che può risultare scontato anche se sempre con caratteristiche uniche, per gli amanti dell’arte e del design, vi porterò anche in ville e casali unici ed in esclusiva, come Villa Ottolenghi o Villa Destriero.  Vi aspetto quindi non mancate alla nuova edizione di Trattative riservate".

Per vedere i programmi di Leonardo on demand vai su Italia Smart

 

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Immobiliare

Un mercato immobiliare in ripresa, alla conquista della scena internazionale: investire in sicilia vuol dire anche godere della lunghissima estate mediterranea. Comprare casa in Sicilia Scriveva Goethe, nel suo Grand Tour: «... l’Italia senza la Sicilia non suscita nello spirito immagine alcuna: in questo paese si trova la chiave di ogni cosa...» A più di duecento anni, l’isola conferma un fascino a cui non furono immuni, nei secoli, fenici, greci, romani, arabi, normanni, svevi, francesi, spagnoli, che lasciarono tracce tangibili delle loro civiltà. Il clima, il mare, la campagna, il patrimonio archeologico e quello artistico delle città barocche alimentano il mito di una terra generosa, in cui l’investimento immobiliare non è mai disgiunto da quello emotivo. Gli investitori arrivano dal nord: dal nord Italia, ma anche, e in numero crescente, dal nord Europa e dalla Russia. Si acquista la seconda casa per le vacanze e poi, molto spesso, si trasforma in residenza stabile, il classico buen retiro al termine della vita lavorativa. La crisi del mercato immobiliare ha fatto scendere le quotazioni, aumentando la possibilità di acquisti interessanti, favoriti anche dai collegamenti aerei tra gli aeroporti siciliani e le principali metropoli europee. I prezzi delle case in Sicilia Il mercato siciliano, soprattutto quello di pregio, offre quindi buone opportunità, non solo per le quotazioni appetibili ma anche per la prevista rivalutazione nel medio termine. Terza regione d’Italia – dopo Sardegna e Puglia – per numero di stipule d’acquisto da parte degli stranieri, la Sicilia dispone di perle preziose: la Val di Noto, Siracusa, Palazzolo Acreide, Modica, Ragusa, Scicli, sono i luoghi dove comprare casa è una scelta destinata a dare i suoi frutti, come ben hanno intuito inglesi, tedeschi, francesi e svizzeri, che si orientano su immobili d’epoca ed edifici rurali, con il valore aggiunto dei beni culturali del territorio. Del resto, mentre in Sicilia il costo al metro quadro di un palazzo d’epoca può oscillare tra 1.500 e 3.000 euro, in alcune città italiane il costo di un immobile di nuova costruzione, senza alcun valore storico aggiunto, registra prezzi tra 5.000 e 10.000 euro al metro quadro, una differenza, anche in qualità della vita, che lascia pochi dubbi sulla  scelta. Roma, Como, Milano e Verona svettano nella classifica delle città da cui provengono gli investitori; per quanto riguarda gli stranieri, Palermo è meta preferita degli svedesi mentre gli americani scelgono la Sicilia sud orientale e le località nel Ragusano, come Modica e Marina di Ragusa. E così gli antichi casolari con uliveti e agrumeti, le splendide masserie tipiche, i palazzi nobiliari nei centri storici di Ortigia, Noto o Ragusa e le ville lussuose con panorami incredibili, fanno sognare italiani e stranieri in cerca di occasioni, favorendo un mercato di nicchia degli immobili di prestigio. Taormina spicca tra le mete più ricercate, ma cresce la domanda anche nelle città d’arte, con una spesa media di circa 500 mila euro. Un discorso a parte per le isole: dalle Egadi alle Eolie, poche occasioni e tutte a prezzi generalmente non inferiori al milione di euro. di Antonella Finucci
CONDIVIDI

Immobiliare

Tra le capitali più attraenti d’Europa e del mondo, Berlino mostra la solidità di un mercato immobiliare in continua ascesa, con prezzi medi al metro quadro inferiori ad altre Capitali. La capitale tedesca vive il suo momento d’oro, godendo di un fermento economico, artistico e culturale di grande importanza. Comprare casa ora a Berlino significa fare un investimento che con altissime probabilità avrà un’ottima rivalutazione sia a breve che a medio-lungo termine. Il mercato immobiliare a Berlino Nella fascia media del mercato immobiliare, durante l’ultimo anno, i prezzi sono aumentati di circa il 21%, mentre l’incremento è più moderato per il mercato di pregio, in cui si è registrato l’11%. Dalla Real Estate Advisory Group arrivano dati significativi: mentre nei quartieri residenziali popolari il prezzo medio registra punte pari a 2.700 euro/mq, come nella zona di Friedrichshain-Kreuzberg, ad esempio, o di 2.100 euro/mq a Steglitz-Zehlendorf e 1.750 euro/mq a Lichtenberg, gli appartamenti di pregio nelle zone più richieste possono raggiungere i 6.650euro/ mq nel quartiere Berlin Mitte, che risulta essere il più caro, seguito da Charlottenburg - Willmersdorf (4.700 euro/mq) e Pankow (4.200 euro/ mq), con gli appartamenti in Prenzlauer Berg che sono tra i più ambiti. Compare casa a Mitte Mitte è il centro del quartiere residenziale di lusso di Berlino, in cui sono localizzate molte delle abitazioni più costose della città e i prezzi per un appartamento con vista fiume possono superare gli 11.500 euro/ mq, con picchi di 15.000 euro/mq per una villetta a schiera nella zona dei palazzi ministeriali. La costruzione di nuove residenze è in netta crescita, sia in questo che negli altri quartieri centrali della città, dove si concentrano i progetti più significativi, che incontrano la domanda sia di investitori stranieri che della upper-class tedesca. Per entrambe le categorie, Berlino rappresenta un investimento particolarmente attraente, come confermano dal team di L&B Immobiliya: la capitale tedesca è infatti tra i primi posti per numero di  turisti in Europa e sembra attraversare un periodo di inarrestabile ascesa, clima assolutamente favorevole all’acquisto di un immobile, sia esso nelle zone più periferiche, dove prevalgono i cosiddetti Plattenbau, gli edifici di grandi dimensioni costruiti con pannelli prefabbricati a partire dalla fine degli anni ‘50, oppure nei quartieri più centrali, con proprietà di interesse storico, ovvero gli amatissimi e ricercatissimi Altbau, le case d’epoca dal fascino particolare. di Antonella Finucci
CONDIVIDI

Immobiliare

Il Festival di Sanremo è cominciato e un dato comincia ad essere sempre più rilevante: il mercato immobiliare della zona ligure sta vivendo una vera e propria impennata. La richiesta di immobili in affitto a Sanremo e in tutta la Riviera dei Fiori ha subito una crescita e insieme alla richiesta, ovviamente, sono cresciuti anche i costi. Un esempio? Affittare un bilocale in zona centrale a Sanremo ora costa 500€ alla settimana, appena 7 giorni fa il prezzo si fermava a 350€. Il Festival di Sanremo è un’occasione ghiotta per tutti coloro che sono patiti di VIP-watching: va da sé che una casa che si affaccia direttamente sul Teatro Ariston ha un valore ancora superiore, circa del 30%. Secondo Carlo Giordano, AD di Gruppo Immobiliare.it: “Il Teatro Ariston ha una capienza di poco inferiore ai 2.000 posti, ma il pubblico che si riversa a Sanremo per il Festival è molto maggiore. La manifestazione canora coinvolge altrettante persone tra orchestrali, giornalisti, troupe televisive e, ovviamente, cantanti, conduttori e il loro entourage. A questi si aggiungono i semplici curiosi che sperano di incontrare qualche vip e per risolvere l’assenza di ospitalità (e governare il budget della vacanza), si scopre la casa vacanza”. Avere una casa a Sanremo, dunque si rivela dunque un investimento strategico da sfruttare proprio in questo particolare periodo dell’anno. Anche se si tratta tutt’altro che di un acquisto a buon mercato: sempre secondo l’analisi dell’Ufficio Studi di Immobiliare.it, come accade per l’affitto, anche per la vendita il costo di una casa vista Ariston è più alto del 30% rispetto a quello di un immobile identico in altra zona. Se si compra in via Matteotti (quella che conduce all’Ariston), il prezzo al metro quadro è di 5.350€; se ci si sposta di qualche isolato si scende a 4.150€. Una cosa è certa, se siete davvero sicuri di fare questo investimento per gli anni futuri, è opportuno aspettare la fine del Festival: il prezzo d’acquisto può scendere del 10-12%, altrimenti meglio godesri lo spettacolo in tv.
CONDIVIDI
Segui Leonardo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv