alice lifestyle leonardo marcopolo

Immersa nella macchia mediterranea dell’isola di Pag, un’abitazione dallo stile contemporaneo

Stara Novalja si trova in una baia tranquilla dell’isola di Pag, 60 km di costa articolata e ricca di insenature e di un retroterra verde e collinoso nella Dalmazia Settentrionale, in Croazia, in un’area che si sottrae allo sguardo dei curiosi, anche dal mare. Questa villa, incastonata in un tratto di macchia mediterranea, è stata progettata dagli architetti Tea Horvat e Radovan Šobat, dello
studio Log-Urbis, con una superficie di 500 metri quadri, su un terreno di pertinenza di circa 2.200 metri quadri.

Casa Croazia stile contemporaneo

Ad un volume esterno estremamente razionale si contrappone lo studio di interni pieni di luce, in un progetto dominato da dualità e contrasti.

Il progetto evidenzia subito le caratteristiche del luogo, l’orientamento sud del terreno, la vista sul mare, il clima mediterraneo, l’utilizzo della pietra, materiale tradizionale sull’isola di Pag, così come l’uso del legno per le finestre e per i camminamenti esterni. Gli architetti in fase di progettazione si sono adoperati per eliminare alcuni punti critici: la pendenza del terreno, la bora (il vento che soffia da Nord- Est), il forte irraggiamento solare e la ricerca di privacy hanno richiesto un attento studio topografico. Il passo successivo è stato decidere l’esposizione migliore dell’edificio.

Casa in Croazia dallo stile contemporaneo

il tetto verde e il grande atrio, fulcro da cui si snodano gli ambienti della casa

Il giardino mediterraneo terrazzato, con i muri di contenimento in pietra parparot rossa, originaria dell’isola, si snodano dal piano strada, offrendo una splendida vista sul mare, panorama comune a tutte le case della zona. Il volume architettonico esterno è compatto, un semplice cubo che cela al suo interno un atrio dove campeggia un ulivo, perimetrato da scorrevoli in cristallo e aperto sul tetto. Questo è il cuore dell’abitazione, sorta di giardino segreto e luogo in cui s’annulla il confine tra interno ed esterno, con il mare visibile da ogni angolo di questa casa progettata per rendere confortevole la vita di tutti i giorni di una coppia sposata, che riceve frequenti visite da parte dei figli e degli amici.

Casa in Croazia

L’atrio della casa

casa in Croazia dallo stile contemporaneo

L’olivo nell’atrio ha un valore simbolico, perché richiama la macchia mediterranea e allo stesso tempo svolge il ruolo di fulcro dell’abitazione di cui delinea la spazialità

L’atrio è il dunque il punto di snodo della spazialità, collegando l’ingresso, le scale, lo studio e il garage, oltre a fornire l’accesso alle tre camere da letto con bagno. Al piano inferiore si sviluppa una zona fitness con sauna, palestra e cantina, oltre ad ambienti di servizio, dotati di affaccio diretto sulla terrazza, su cui si allunga la piscina rettangolare, con una corsia di nuoto di 17 metri. Altro lavoro importante dello studio Log-Urbis è stato quello dell’attualizzazione sui materiali. Dominanti, e tradizionalmente presenti nell’architettura dell’isola, sono la pietra e il legno, abbinati in modo originale, in questo progetto, a finiture in cemento e in metallo.

Gli interni della casa in croazia

Sopra, nel living, alle spalle della cucina, ampie pareti vetrate illuminano l’ambiente. In questa immagine, i pannelli in legno sono  chiusi e filtrano la luce del sole, che in alcune ore del giorno è molto forte.

L’involucro della casa è minimalista, con travi a vista in calcestruzzo e pareti in pietra; il motivo a strisce orizzontali in marmo di travertino, i brise-soleil verticali in legno di cedro e le grandi pareti scorrevoli in vetro, con cornici minimaliste in alluminio, confermano la commistione tra tradizione e contemporaneità. Sul tetto piano, la vegetazione isola naturalmente la struttura, ospitando otto varietà di sedum di diverso colore, con una fioritura alternata durante le quattro stagioni, in modo da garantire colori accesi in tutti i periodi dell’anno.

Gli esterni della casa

la struttura in calcestruzzo, inserita nella macchia mediterranea di Stara Novalja, sulla costa dalmata

Ai bordi, ancora la pietra parparot rossa, inserti di legno di teak e lastre in cemento bianco. Puntano sul bianco anche gli interni, con alcuni dettagli di colore e arredi quasi completamente progettati e realizzati su misura. La sostenibilità ambientale è un altro punto forte del progetto, attuata attraverso diverse strategie, dalla volumetria essenziale degli spazi, al tetto verde e alla scelta dei materiali da costruzione. Ma non solo. La casa è prevalentemente orientata a sud ed esternamente protetta dall’irraggiamento diretto del sole; l’approvvigionamento energetico avviene
tramite un sistema che include una pompa di calore geotermica e un impianto di collettori solari; la tecnologia di illuminazione è a LED. Tutte scelte in linea con la formazione professionale dell’architetto Tea Horvat che, nel suo curriculum, annovera anche l’esperienza nel Dipartimento per la pianificazione dello sviluppo e la protezione ambientale di Zagabria.

di Floriana Morrone | foto di Robert Lešx

Nessun contenuto correlato.

Share This