alice lifestyle leonardo marcopolo

Lo Shard London Bridge progettato da Renzo Piano, ha cambiato lo skyline di Londra.

Lo skyline londinese è cambiato grazie allo Shard London Bridge di Renzo Piano. Un tempo chiamato London Bridge Tower, è ora per tutti Shard London Bridge ed è soprannominato dagli inglesi “la scheggia di vetro” perché sembra una scheggia infilzata verso il cielo nuvoloso della City.

Shard London Bridge: il progetto

Lo Shard London Bridge si trova nella zona di Southwark, a sud del Tamigi, nel nuovo quartiere che si sta ridisegnando attorno alla London Bridge Station, candidata a divenire un  importante snodo internazionale.

La “scheggia”, con i suoi 87 piani (di cui 72 abitabili) per 306 metri d’altezza (310 con l’antenna), è la torre più alta dell’Unione Europea battendo l’attuale primato europeo della Commerzbank Turm di Francoforte. Lo Shard London Bridge ospita negozi, uffici, hotel, residenze, bar, ristoranti e un ultimo piano aperto al pubblico che igode di un panorama mozzafiato a 360° su tutta la città.

Concepita da Renzo Piano come “una piccola città verticale”, ha una base di dimensioni generose e si assottiglia “fino a scomparire” nel cielo di Londra.

La zona panoramica dello Shard London Bridge è posta a 244 metri di altezza ed è stata definita un “viaggio multisensoriale al di sopra di una delle città più grandi del mondo”. Gli ascensori della torre raggiungono il 68° piano a una velocità elevatissima e giunti in cima si gode di una vista mozzafiato, a 360° su tutta la città.

Shard London Bridge: il pilastro della città sostenibile

Lo shard London Bridge è ricoperto tutto in vetro ed alla caratteristica forma triangolare della torre, sono state destinati circa 11mila pannelli in vetro. La torre sfrutta l’energia solare e gli ultimi 15 piani collocati sulla punta, sfruttando il vento per il raffreddamento, sono senza aria condizionata. Il palazzo prevede il recupero e riutlizo di neve e acqua piovana. 

Nel progetto di Renzo Piano, l’obiettivo era inoltre, spingere turisti e abitanti a lasciare a casa le proprie auto. Non a caso lo Shard London Bridge ha solo 42 posti macchina perchè l’edificio passa di fianco a una stazione ferroviaria, due linee della metropolitana e venti autobus. 

 Scopri le altre novità da visitare a Londra

 

Nessun contenuto correlato.

Share This