alice lifestyle leonardo marcopolo

Un loft moderno ed accogliente nel cuore di New York, a Soho. L’arte è parte integrante del loft della gallerista Valentina Castellani e personalizza lo spazio, molto giovane ed essenziale.

GUARDA LA PHOTOGALLERY CON LE IMMAGINI DEL LOFT

Il loft di Valentina Castellani

Valentina Castellani, star nel firmamento del mondo dell’arte che ruota intorno a Larry Gagosian, proprietario di undici importanti gallerie nel mondo, è un’ambasciatrice negli Stati Uniti della cultura, della classe e dell’eleganza italiane. Rapita da Gagosian alla Sotheby’s di Londra, si trasferisce a New York, al seguito del marito Gianluca Violante, professore alla New York University. Una delle direttrici, nonché braccio destro del mitico gallerista, Valentina ha cercato con idee molto chiare il posto dove lei e Gianluca avrebbero preferito abitare. S’innamorano di un loft con splendida terrazza in un palazzetto del 1866, tra i più antichi a Soho, una volta stamperia e poi studio di artisti negli anni ‘60. Decidono di ripartire da zero, eliminando tutto ciò che impedisce di godere a pieno della magica luce che filtra dal lucernario e dalle grandi finestre, per vivere serenamente uno spazio libero ed essenziale.

Il progetto del loft

Valentina studia accuratamente il progetto degli amici architetti di Space 4 Architecture, Michele Busiri Vici, Ulderico Micara e Guelfo Carpegna, abilissimi nel trasformare ambienti antichi e fatiscenti, facendoli rivivere con freschezza e contemporaneità.

Gli architetti, in perfetta sintonia con la padrona di casa, realizzano un open space luminoso e accogliente, interrotto da pochi e mirati interventi. Quali una creativa libreria, dipinta di bianco, comprensiva di una scala segreta; una quinta divisoria, in cui inseriscono la cucina, che mimetizza la lunga scala che porta al terrazzo dove, sfruttando il lucernario, creano un salottino relax, che domina la città.

Di fronte ad un originale camino realizzato con la vernice lavagna, incassato nella parete con mattoni originali lasciati a vista, per non togliere carattere allo spazio, Valentina arreda con un divano letto italiano, portato dalla casa di Londra; una poltrona fucsia, il suo colore preferito; una sedia a dondolo, Thonet originale; un coffeetable in plexiglass di modernariato.

La cucina Ikea, scelta dalla padrona di casa e nobilitata dagli architetti con piani in marmo di Carrara, dipinta in Rosso Ferrari, come la quinta in cui è inserita, comprende un tavolo abbinato a sgabelli girevoli, dove la coppia ama fare colazione e che, in occasione delle cene, preparate personalmente da Valentina, che si rilassa cucinando per gli amici, diventa un comodo punto d’appoggio.

Sia la camera da letto padronale che quella degli ospiti sono semplici e spartane, con tocchi di rosso per i copriletti e i pochi mobili, decorate da opere d’arte che sono particolarmente nel cuore di Valentina.

di Marina Pignatelli
foto di Gianni Franchellucci

Nessun contenuto correlato.

Share This