alice lifestyle leonardo marcopolo

Il labrador è uno dei cani più dolci tra le razze canine. Scorpiamo tanti consigli utili

Il labrador: origini

Secondo molti studiosi il capostipite di questa razza è il cane di St. John, un cane di taglia media originario dell’isola di Terranova che veniva utilizzato dalle popolazioni autoctone come animale da lavoro. Dopo aver colpito molti marinai britannici per le sue doti di resistenza e il suo carattere affettuoso, questa razza fu portata in Inghilterra tra 1600 e 1700, e fu adoperata come supporto alla caccia degli aristocratici. Solo agli inizi dell’800’ però è menzionato con il nome labrador, mentre nel secolo successivo, nel 1905, si raggiunge uno standard accettato dal Kennel Club valido a livello internazionale.

Il labrador: educazione e carattere

Il labrador è un cane molto dolce, che possiede naturalmente la propensione a stare in compagnia, l’istinto del riporto e una dolcezza innata verso tutti gli altri esseri viventi. Queste caratteristiche rendono la sua educazione piuttosto facile. Pertanto, rispettando regole chiare ed efficaci con la giusta continuità, specie durante i primi mesi della crescita, si possono ottenere risultati soddisfacenti. Usate comandi chiari e brevi da pronunciare con tono deciso, in modo che ogni parola sia collegata a un’azione specifica. Non fate mancare piccole punizioni se il cane combina delle marachelle e non utilizzate mai metodi coercitivi o violenza. Il vostro labrador ne soffrirebbe enormemente.

 Il labrador: aspetto e morfologia

Questa razza è di costituzione molto forte. Il cranio è largo, ben modellato, senza guance abbondanti. Gli occhi sono di media grandezza e risultano molto espressivi, denotando intelligenza e buon carattere. In genere sono di colore nocciola. Le mascelle e i denti sono forti con una perfetta e completa chiusura a forbice. Gli arti anteriori e posteriori sono forniti di buona ossatura e sono diritti dal gomito al suolo, sia visti di fronte sia lateralmente. Il pelo del labrador è una caratteristica distintiva della razza, perché è corto, fitto, senza ondulazioni o frange così come la coda, che è detta “coda di lontra”. L’andatura è sciolta sia nel passeggio sia nella corsa.

Il cucciolo di Labrador

In generale, nei primi due mesi di vita i cuccioli di labrador manifestano in maniera chiara la propria individualità, mostrando alcune delle caratteristiche comportamentali che conserveranno da adulti. Naturalmente questo non avviene in tutti casi. Il carattere del cucciolo dovrebbe mostrarsi allegro, estroverso e socievole con le persone, non troppo aggressivo ma sempre pronto a mordere scarpe o cuscini. L’uso di metodi di educazione dolci e molte coccole lo aiuteranno a crescere serenamente.  

 Il labrador: scheda

Tipo: cane da riporto

Origini: incerte. È stato importato in Gran Bretagna dai coloni sbarcati nell’isola di Terranova

Nazionalità: Gran Bretagna

Utilizzo: caccia, compagnia

Taglia: media

Altezza al garrese: maschi 56/57 cm; femmine 54/56

Peso ideale: 25/35 kg

Leggi gli altri articoli dedicati agli amici cani

Cavalier King – I consigli dell’allevatore Raffaele Alicandro
L’umanizzazione nei cani, i pro e i contro by Dog’s House
La tratta clandestina dei cuccioli: facciamo chiarezza
L’alimentazione del cane adulto by Dog’s House
L’alimentazione del cucciolo by Dog’s House
I caratteri più curiosi delle razze canine: il Chihuahua e il Pastore del Caucaso by Dog’s House
I cani che hanno bisogno di ampi spazi by Dog’s House
Le razze canine più adatte ad un appartamento piccolo by Dog’s House
Come far accettare il nuovo arrivato dagli altri animali di casa by Dog’s House
Come accogliere il cucciolo a casa by Dog’s House
Consigli per la sicurezza estiva dei cani e dei gatti
L’arrivo del cane in casa: come comportarsi
Cuccia e ciotola di stile per i nostri amici cani

Nessun contenuto correlato.

Share This