Doppia anima tra antico e moderno
A misura di stile
Grafica d'interni

Mentre mostravamo in trasmissione, su Design.book, questo appartamento a Brescia, ho colto il grande lavoro progettuale per sistemare, in soli 60 metri quadri, una comoda idea di abitazione contemporanea, in una preesistenza storica. Le immagini non rendevano giustizia e allora ho chiesto a Marcio Tolotti, ospite di Design.book e propostosi su Facebook, di realizzare foto che presentassero al meglio il lavoro. 

Balzano subito all’occhio le linee appese, condotte e ricollegate nei due ambienti dell’intervento, così come il grande e trasformabile cubo luminoso della cucina (in Corian®), disegnato su misura. Un cubo che racchiude il bagno e linee appese che sospendono l’armadiatura disegnata nella zona notte al livello del pavimento zona giorno. Luce e grafica dell’interno sono i cardini guida di questo progetto, che è anche risolto per piani materici; le pareti con pietra a vista, che denunciano una importante preesistenza; le travi a vista della soffitta e la pietra del pavimento. Annota Marcio Tolotti: “Il rapporto con l’esterno, risolto mantenendo inalterati ritagli privi di ornamenti in massicce murature in pietra, appare come un vero e proprio gesto di rifiuto verso il mondo che sta fuori. Simboleggiano la pura aspirazione alla luce, non concepiti per il piacere di vedere ma semplicemente per consentire l’ingresso della luce nella forma più diretta”.

Snodo centrale del progetto è sicuramente il blocco luminoso, “elemento centrale e sintesi di tutto ciò che serve: ora è cucina, ora è bagno, ora il più funzionale dei corpi illuminanti”. Anche la scelta di pochi materiali, assegnati a piani precisi, si rivela come dichiarazione di intenti: “Quattro materiali nobili, pietra, legno, ferro e vetro, risolvono l’intero spazio, semplificano i mezzi espressivi, eliminano quanto non è essenziale e pongono le premesse di una fusione tra la casa e chi in essa vive. Lo sforzo è quello di attribuire ai materiali il significato del “tutto” e di intervenire sui dettagli. La materia, sempre naturale e mai artefatta o abbellita, diventa espressione; la lavorazione viene mostrata in quanto traccia del percorso dell’idea architettonica dal tutto alle parti”. Un discorso a parte merita il bagno “libera esibizione di elementi differenti appoggiati o a sospensione. L’acqua, a cascata dal soffitto, dilava la pietra, incide il pavimento per sgorgare addomesticata”. È quasi commovente riportare le descrizioni poetiche e rese con molto trasporto da questi giovani progettisti, ma ribadiamo che il progetto è passione. Si diceva di una idea grafica, di una messa in pagina del progetto di interni.

Ecco allora che la descrizione prosegue: “Dal disegno di una singola piastrella si scalano tutti gli elementi; nemmeno le scale di collegamento dei due livelli interrompono la continuità del piano, che pare modellarsi scendendo di quota. Il piano pavimento appare scisso dall’involucro, rispettoso di una preesistenza, pare adagiato come un’enorme lastra di pietra grezza incastonata tra murature della medesima materia”.

Descrizione che termina con un altro piccolo artificio che ha richiamato la nostra attenzione su questo progetto: “Nella fascia di rispetto, lungo il perimetro dei muri, alloggiano organicamente gli impianti la cui sintesi è affidata a terminali luminosi a stelo, cuore di comando dell’intero spazio”.

 

Credits

di Giorgio Tartaro

foto di Lucio Barbano

progetto: Studiostanza Estudoquarto, Brescia, Marcio Tolotti+Enrico Romanenghi

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Vivere in città

Dal quartiere Eur, a sud di Roma, parte la SR 148 Pontina, la superstrada che arriva fino al Parco Nazionale del Circeo. In prossimità di tale splendido luogo si trova, immersa in una fitta vegetazione, la villa rurale nuovamente progettata dall’architetto Alessandro Palladino. GUARDA LA PHOTOGALLERY CON LE IMMAGINI DELLA CASA In un parco di 178.000 metri quadri, circondata da una fitta pineta ad alto fusto, la villa si sviluppa su 700 mq, con tetto a falde su tre livelli e quattro contrafforti che ne rafforzano l’assetto murario. La vegetazione anima e disegna il grande spazio a verde esterno, avvicendandosi a mezze collinette e lievi declivi, realizzati artificialmente dal recupero del terreno di risulta degli scavi. La piscina esterna, incorniciata tra le palme, rinfresca e condiziona la percezione di un ambiente che, per sua definizione sarebbe climaticamente torrido in estate. L’intervento, come sopra accennato, è di riprogettazione, poiché in questa fase l’architetto è dovuto intervenire su un precedente progetto. Il progetto della villa In virtù di una discreta altezza, infatti, sono stati realizzati tre distinti livelli: il piano terra (rialzato); il piano interrato a quota terreno, ed un soppalco sospeso sul piano rialzato. Entrando nell’ampia zona living, a colpire è un invasivo pilastro centrale, peraltro neanche corrispondente con il colmo delle falde, che ha poi ispirato il grande camino sospeso, e la scenografica parete vetrata. La luce, l’interazione tra gli spazi interni e quelli esterni e il movimentato avvicendamento dei piani e dei percorsi interni, sono le direttrici sulle quali ha proceduto il progettista. La cucina, lo studio e la zona notte sono posizionate sul livello intermedio rialzato che, in coincidenza dell’ingresso, si collega alla rampa di scale sospesa che raggiunge il livello soppalcato, dedicato alla zona tv e lettura. Dal medesimo ingresso, un’altra scala scende al livello inferiore, a quota terra, dove si trova la zona pranzo (una soluzione davvero poco pratica), un ulteriore living con camino, la zona fitness con piscina interna. Alcune scelte distributive, a dire il vero poco condivisibili da chi scrive, sono state perentoriamente suggerite dalla stessa committenza al progettista. A conferma del fatto che ogni scelta progettuale è figlia di un compromesso originario, che il bravo progettista deve mediare e poi dissimulare con soluzioni alternative. Credits di Pio Daniele Mizzau foto di Marina Papa profetto di: architetto Alessandro Palladino
CONDIVIDI

Vivere in città

Siamo in un grande appartamento nel centro di Torino (mq 280) dapprima sede di uffici, oggi destinato a residenza, suddiviso ed arredato dall’architetto Fabio Fantolino. La planimetria è regolare, un semplice rettangolo organizzato con una grande zona giorno, scandita in successione dallo spazio pranzo, con tavolo e sedie imbottite; lo spazio salotto con poltroncine istituzionali e un morbido sofà intorno al tavolo basso, e lo spazio tv, un tripudio di comode, avvolgenti e soffici poltrone. La resina e il rovere bruno spazzolato sono i materiali che principalmente si avvicendano.  E poi la cassettiera sospesa, il piano del tavolo da pranzo, fino alle singolari mensole poste a corona dei pilastri centrali  dell’ambiente. Questi ultimi - elementi strutturali ma anche vani tecnici per il passaggio dei cavi condominiali - ubicati nella zona centrale del soggiorno, sono rivestiti verticalmente con fogli di metallo scuro e sezionati orizzontalmente da lame di rovere. Non pago di invenzioni, l’architetto ha inserito tra le mensole anche un camino a bioalcool di dimensioni ridotte. La cucina è posizionata nella porzione laterale alla destra dell’ingresso ed è divisa dalla zona living attraverso una parete segnata da due aperture di collegamento. Il disimpegno ricavato accoglie una dispensa, impreziosita con legni d’epoca montati a vecchio schedario e funge da filtro con la zona tecnica di preparazione e cottura, anch’essa disegnata su misura e caratterizzata dall’isola centrale, rivestita da un piano in pietra e da finiture in rovere bruno. Agli spazi del la zona notte, volutamente ridotti, si accede superando in successione i due ambienti-vezzo della proprietaria. Dopo un primo disimpegno, separato dalla zona giorno da un’ampia porta scorrevole, si accede alla camera dell’ospite con bagno, mentre un secondo disimpegno, pure con porta scorrevole, è il fulcro della suite padronale, che comprende, sul lato sinistro, la grande camera guardaroba; al centro, il blocco vasca-doccia-lavabo con annesso   ma distinto spazio per i sanitari e, sul lato destro, la camera padronale. La pianta regolare dell’appartamento può aver forse aiutato il progettista a dividere gli spazi senza grossi problemi, ma la giustificazione di una zona giorno così importante la si scopre solo conoscendo la committente: una dinamica e giovane professionista che ama ricevere ospiti e, soprattutto condividere socialmente anche gli  spazi più domestici, come quelli di casa propria. GUARDA LA PHOTOGALLERY CON TUTTE LE IMMAGINI DELLA CASA di Pio Daniele Mizzau foto di Manuela Cerri progetto: arch. Fabio Fantolino
CONDIVIDI

Vivere in città

Se avete amato il film "La Grande Bellezza", Premio Oscar 2014 come miglior film straniero, ecco le immagini di una villa spettacolare sulla Cassia Antica, utilizzata tra le location del film. GUARDA LA PHOTOGALLERY CON LE IMMAGINI DELLA CASA Il progetto di ristrutturazione di questa villa degli anni ’60, è stato curato dall'architetto Jacopo Mascheroni di JM Architecture.  La villa, articolata su tre livelli, è stata riprogettata in modo tale da impiantare in ogni livello una singola funzione. Il livello seminterrato è dedicato ad attività ludiche e di relax. A questo livello una grande spa è interamente rivestita in teak ed ospita una vasca da 6 x 2,5 metri in cui è possibile praticare nuoto controcorrente. Separata da questo locale da una parete vetrata, è stata predisposta una sala giochi. I due ambienti che vengono percepiti come un unico spazio grazie alla trasparenza del vetro affacciano su un patio da cui ricevono illuminazione naturale, dove si può accedere anche per fruire di un ambiente esterno privato e riparato dalla vista dell’immediato circostante. Il piano terra, che ospita attività diurne, è caratterizzato da una distribuzione funzionale su due fasce a sinistra e a destra dell’ingresso che vede rispettivamente la cucina, il tinello e la sala da pranzo da una parte e dall'altra il salotto e lo studio. La dislocazione delle stanze è organizzata in una sequenza che permette di raggiungere ciascuno degli ambienti dall'ingresso senza percorrerne gli altri e che allo stesso tempo li tiene in stretta comunicazione. Questo livello è stato pensato in forte relazione con l’esterno. Tutti gli ambienti godono di uno spazio esterno in quota con possibilità di accesso su cui si affacciano attraverso grandi vetrate. Così la sala ha la sua “proiezione” esterna su un patio parzialmente porticato, pavimentato in legno e caratterizzato da inserti in ghiaia che delineano zone percorribili e zone contemplative. Al primo livello sono sistemate le camere da letto, le relative cabine armadio e i bagni. Tutte le camere sono state dotate, su richiesta della committenza, di scrittoio, tv al plasma e minibar integrati con l’arredo. Per quanto riguarda i materiali utilizzati, grande spazio è dato in questa ristrutturazione al legno naturale. Oltre al Teak, l’essenza principale, che contribuisce a conferire la specifica dominante cromatica calda, è l’acero canadese, utilizzato come impiallacciatura per le pavimentazioni e di massello per rivestimenti a parete. Anche il progetto degli esterni che interessa i 1800 metri quadri di giardino intorno alla villa è caratterizzato dall’uso del legno. Questa volta si tratta di Ipe che circonda l’abitazione e fa da piattaforma alla piscina esterna. Pavimentazione in legno, inserti in ghiaia bianca, prato e bambù sono i materiali della sistemazione esterna. Progetto: Jacopo Mascheroni-JM Archtecture
CONDIVIDI
Segui Leonardo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv