alice lifestyle leonardo marcopolo

Certi luoghi hanno il pregio di farci sentire a nostro agio, mentre altri non riescono ad accoglierci nel modo giusto. Le ragioni possono essere molte ed alcune di queste sono da ricondurre al feng shui, la nota disciplina orientale, le cui origini si perdono nel tempo. Un’antica arte che coniuga filosofia ed architettura, sapienza e pragmatismo nel costruire e nell’arredare.

Che cos’è il Feng Shui

Prima di spiegare in cosa consiste questa disciplina, nata oltre quattromila anni fa, vediamo alcune informazioni introduttive sul feng shui. Il termine feng shui si può tradurre come vento ed acqua, due elementi inafferrabili. Per comprenderne il significato recondito dovremmo addentrarci nella filosofia cinese, in modo particolare nel taoismo, ma in questa sede ci limiteremo ad un rapido excursus.

Il punto di partenza è il ch’i, il respiro della natura, l’energia vitale che scorre nel mondo, la quale risponde a precise leggi. Tali principi universali sono racchiusi nel concetto di Li, l’ordine naturale, che gli esseri umani non possono afferrare pienamente, ma sanno bene come esso sia perfettamente proporzionato e rispondente a principi matematici.
Nel mondo naturale regna, pertanto, un’armonia che va preservata e con la quale è auspicabile stabilire un rapporto, proficuo per ambo le parti. Una delle strade percorribili per beneficiare dell’energia naturale è di vivere in simbiosi con essa ed il feng shui.

Leggi anche:

feng shui: regole e consigli come arredare casa

la casa feng shui

Nessun contenuto correlato.

Share This