alice lifestyle leonardo marcopolo

Efficienza energetica in casa con il bollino di qualità. Perché conviene rendere energeticamente efficiente la propria abitazione

Non solo tra le maggiori sfide del nostro secolo, l’efficienza energetica è anche il grande valore aggiunto dell’immobile: da un punto di vista commerciale perché ne alza le quotazioni sul mercato in caso di vendita; da un punto di vista etico perché responsabilizza a contribuire alla salute del pianeta e da un punto di vista economico perché riduce significativamente i costi di gestione legati all’utilizzo di combustibili, elettricità, acqua.

Efficienza energetica ed isolamento termico

Massima superficie vetrata e luminosità, con ante a scomparsa e sezioni a vista di soli 73 mm, per le finestre Block System (sopra) di Schüco. Ottimo il coefficiente di isolamento termico, per il maggior comfort ambientale, e di tenuta ad acqua, aria e vento.

Un’efficienza che attualmente la legge impone di dichiarare e certificare con l’Attestato di Prestazione Energetica (APE), da allegare ad ogni contratto di affitto o vendita di immobili. Ma con l’aumentata sensibilità ad una più generale sostenibilità ambientale cresce anche l’esigenza di classificare e certificare in modo più esauriente lo stato energetico degli edifici, seppure la legge in Italia non ne preveda ancora l’obbligatorietà.

Un percorso che investe l’intero processo di progettazione, mirato ad ottenere un attestato di rispondenza a determinati standard, fissati da enti certificatori i cui acronimi suonano sempre più familiari: LEED, ECOLABEL, Agenzia CasaClima di Bolzano, quest’ultima promotrice dell’omonimo metodo di certificazione energetica degli edifici (obbligatorio nella regione altoatesina).

Infissi Finstral

La nuova linea di infissi in alluminio FIN -Project di Finstral viene combinata con ProRes, un materiale composto da residui di bucce di riso e residui di PVC , ottenuti dalla lavorazione dei profili per i serramenti.

Un percorso che per le nuove costruzioni può risultare più facile da prevedere e seguire ma per la riqualificazione degli edifici già esistenti? Ad essi è dedicato l’ultimo protocollo elaborato dall’Agenzia CasaClima: si tratta di CasaClima R, pensato non solo per interi edifici ma anche per singole unità abitative in condominio, per attestarne efficienza, sostenibilità e qualità costruttiva.

Intervenire sul patrimonio edilizio esistente per “bonificarlo” dalle inefficienze può avere costi rilevanti, poiché il più delle volte comporta lavori di isolamento termico interno ed esterno dell’involucro costruttivo, l’eliminazione dei ponti termici che favoriscono le dispersioni di calore e la sostituzione degli infissi.

Finestra per tetti velux

La finestra per tetti GGU K008230, di Velux, con certificazione Casa Passiva.

Ma con la Legge di Bilancio 2018, l’Ecobonus per il risparmio energetico fissa una detrazione fiscale del 65% sulle spese sostenute, un vero e proprio incentivo ad investire in qualità, dagli interventi sull’involucro degli edifici all’installazione di pannelli solari o fotovoltaici; dalla sostituzione degli impianti di climatizzazione alla posa in opera di schermature solari o di generatori alimentati da biomasse combustibili, fino all’installazione di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti dell’unità abitativa.

di Floriana Morrone

Share This