Separè e divisori: tanto spazio per sè
Come arredare la camera da letto dei ragazzi
Come arredare con i tessuti

Come arredare con i tessuti: le proposte innovative basate sulla reinterpretazione di motivi classici come fiori, righe e damascati. Ma soprattutto trovare un nuovo modo per arredare casa.

Il living, con i comodi divani Arkansas di Flamant e le tre lampade Bolla, in midollino naturale, di Gervasoni.

Arredare coni tessuti è come "vestire" la propria abitazione,  significa personalizzarla, darle un’impronta e uno stile riconoscibili. Come la scelta di un abito da indossare, la scelta dei tessuti per arredare conferisce personalità e carattere agli ambienti: tendaggi, tende da sole, plaid e coperte, cuscini e rivestimenti murali sono complementi d’arredo fondamentali. Ecco qualche consiglio su come arredare con i tessuti.

GUARDA LA PHOTOGALLERY CON LE NOVITA'

Come arredare con i tessuti: idee e consigli

Questo tessuto raffigura fioriture di peonia in cinque tonalità cromatiche, realizzate con stampa digitale su lino fino.

Abbiamo chiesto all'interior designer Roberto Bistolfi, spacializzato proprio in decorazioni con i tessuti, qualche consiglio su come arredare con i tessuti.

Di solito si pensa che la scelta dei tessuti sia l'ultimo elemento nell’arredamento della casa. E' cosi ?
"Puo' essere anche il primo, se si volesse fare un intervento “leggero” (anche economicamente) per rinnovare e rinfrescare l'immagine dell'appartamento, o di una parte di esso. Altrimenti, dopo la ristrutturazione, il tessuto è primario almeno per quanto riguarda il rivestimento e la decorazione degli arredi fondamentali : letti e divani!".

Scopriamo le novità di Christian Fischbacher al Fuori Salone 2014

Per arredare la casa con i tessuti da dove bisogna partire ? Dalla tende, dai divani, dai colori...
"Dipende intanto dalle esigenze del cliente, ma con una visione di insieme del progetto di arredo (che rimane il miglior suggerimento per iniziare la scelta dei tessuti), è indifferente cominciare dagli imbottiti o dalle tende".

Il gioco di luce e ombra è sempre stato soggetto di ispirazione per artisti e designer.Con la Collezione CALLIGRAPHY OF LIGHT, Christian Fischbacher è riuscita a catturare<br />e fermare sul tessuto questi momenti fugaci e affascinanti. I disegni, stampati a getto<br />d’inchiostro, incantano con la loro disarmante semplicità, rifl essa nella delicata tavolozza<br />dei colori che<br />rimanda l’attenzione alle finiture dei materiali innovativi e alla composizione dei tessuti, dalla mano morbida e delicata.

Per quanto riguarda le tende, come scegliere e quali sono le tendenze ?
"Tende leggere e ariose che scaldano l'ambiente, anche tenute chiuse durante il giorno, permettendo una buona luce filtrata. La scelta poi nasce dal gusto personale, dai suggerimenti adeguati e dal contesto in cui andranno inserite".

Parliamo di divani: quali sono i tessuti che si sente di consigliare ? Sempre la pelle o tessuti pratici ?
"Oggi il mercato offre una gamma infinita di tessuti belli e pratici, spesso anche lavabili. Meno frequente la scelta ricade sulla pelle, più fredda e costosa (se di qualità)".

È un tripudio di modelli, colori e tecniche di stampa, la collezione Jardin Bohème, di Harlequin, bohèmienne e al passo con la moda, composta da tessuti stampati, ricami e un mix dei due elementi. Righe, motivi floreali o folcloristici e ricami tradizionali in una vivace armonia.

Quali altri complementi di arredo si possono decorare ?
"Si possono rivisitare col tessuto sedie da pranzo, pouff, panchette, poltroncine, cuscinerie di abbellimento, oltre a letti e testate... spesso anche tavoli da salotto, rivestiti con fibre tecniche ed eco pelli".

Scopriamo le novità di Christian Fischbacher al Fuori Salone 2014

Quali sono le ultime tendenze in fatto di decorazioni e fibre ?
"Un sano ritorno alle fibre naturali (lini), oltre ai velluti e ciniglie. Ma spesso è valido l'opposto (dato che le mode lasciano il tempo che trovano) e la tecnologia nel settore tessile ha reso ancor piu'ricco e interessante il panorama di scelta".

Quando si sceglie un tessuto bisogna osare o essere in pandan con i colori della casa ?
"In un insieme decorativo armonioso, osare un elemento forte ed anche distonico dal contesto, è indicato... propone personalità e carattere".

intervista di Claudia Mammalella

 

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Come arredare casa

Il 2015 è alle porte ed è arrivato anche il momento di annunciare il colore del prossimo anno. Il colore selezionato da Pantone per il 2015 è il Marsala. Questo colore prende il nome dal vino ed è un bel colore ricco, sofisticato ed elegante. In una tonalità più chiara si abbina facilmente con una varietà di altri colori e può aggiungere un nuovo stile a qualsiasi stanza della casa. Leatrice Eiseman, direttore esecutivo presso il Pantone Color Institute, ha dichiarato, "il colore Marsala arricchisce la nostra mente, corpo e anima, trasuda fiducia e la stabilità. Il Marsala è una tonalità seducente, che ci trascina nel suo calore avvolgente." Come abbinare il colore Marsala Il marsala è una tonalità perfetta da abbinare ai colori neutri. Immaginiamo cuscini color marsala sul divano bianco, oppure tovaglie e accessori di questo colore. Questo colore, che sia il principale o per degli accessori, rende l'ambiente accogliente, l'atmosfera invitante e scalderà la vostra casa.  
CONDIVIDI

Come arredare casa

In casa lo spazio non basta mai e gli occhi cadono sempre in alto, con la speranza di poter realizzare un soppalco. Sul soppalco si possono ricavare delle piccole camere da letto oppure una zona di studio o lavoro. Ma prima di arredarlo,  capiamo quando è possibile realizzare un soppalco. Realizzare un soppalco: regole e norme [caption id="attachment_25774" align="alignnone" width="622"] Grazie al soffitto alto della stanza, si è realizzato un soppalco per una camera da letto/studio sopra la cucina. Il soppalco può essere chiuso da uno schermo in policarbonato traslucido[/caption] Il soppalco abitabile è definito in termini di legge come “soppalco con permanenza di persone” e si tratta di una zona rialzata in un secondo momento rispetto al livello del resto dell’appartamento, calpestabile da persone comodamente in piedi. Le regole e le misure stabilite dalla legge per la realizzazione di un soppalco cambiano a seconda del Regolamento Edilizio e di Igiene del proprio Comune di residenza, ma in linea generale esse sono: altezza minima del locale da soppalcare: che deve essere di almeno 430-440 cm; le altezze sopra e sotto il soppalco quindi non possono essere inferiori a 210 cm, soletta compresa. superficie soppalcata: non deve essere superiore a 1/3 della superficie del locale, ma può arrivare fino a metà della superficie del locale quando le altezze sopra e sotto il soppalco raggiungono i 220 cm. altezza della zona sottostante: deve essere di almeno 240 nel caso la si voglia attrezzare come bagno o come cucina (mantenendo sempre però i 210 cm minimi nella parte superiore). superficie finestrata: non deve essere inferiore a 1/8 della superficie del locale soppalcato La documentazione del progetto va presentata all’Ufficio Tecnico del proprio Comune da parte di un professionista (ingegnere, architetto o geometra). Una volta ultimati i lavori, questi vanno documentati all’Ufficio del Catasto, poiché aumenta la superficie calpestabile e quindi la metratura dell’appartamento. Inoltre per realizzare il soppalco non è necessario chiedere l’autorizzazione all’assemblea condominiale.Per evitare però successive contestazioni da parte di vicini, è consigliabile depositare presso l’Amministratore la documentazione relativa ai permessi comunali ottenuti e la perizia del professionista che ha realizzato il soppalco. Come arredare il soppalco In un soppalco si possono realizzare tante cose: una camera da letto, uno studio, una piccola cabina armadio. Nella foto, un originale esempio di come si possano rompere gli schemi: i proprietari di questa casa in Francia hanno invertito le funzioni, posizionando nel living il letto (che può essere nascosto dalle tende) e sul soppalco un piccolo soggiorno. Arredare il soppalco con una camera da letto [caption id="attachment_25775" align="alignnone" width="622"] Zona soppalco con camera da letto[/caption] È una delle soluzioni più utilizzate per chi ha una casa piccola, realizzare sul soppalco una piccola camera da letto.  L'ambiente risulta grande e moderno e si conserva tutta l'intimità della zona notte in uno spazio indipendente. [caption id="attachment_25776" align="alignnone" width="622"] Una piccola camera da letto sul soppalco[/caption] Arredare il soppalco con uno studio [caption id="attachment_25777" align="alignnone" width="622"] Arredare un soppalco realizzando uno studio[/caption] Per chi non ha troppi problemi di spazio, creare una piccola zona studio sul soppalco è una scelta molto funzionale. Si può creare un angolo lettura, una piccola biblioteca, una postazione di lavoro o semplicemente una zona per dedicarsi a dei progetti. [caption id="attachment_25778" align="alignnone" width="622"] Un soppalco di una grande casa moderna[/caption] Una cabina armadio nel soppalco [caption id="attachment_25780" align="alignnone" width="622"] Arredare il soppalco come una piccola alcova o una cabina armadio[/caption] Il soppalco, o se avete la fortuna di avere una soffitta, può essere trasformato in una piccola alcova o anche una piccola cameretta per i bambini. Avete poco spazio per scarpiere e per sistemare gli abiti? Tutto in soppalco! Il pavimento per il soppalco [caption id="attachment_25781" align="alignnone" width="622"] Un living con il soppalco in vetro[/caption] Il classico soppalco in legno è passato di moda anche perchè viviamo in case sempre più moderne. La tendenza punta alla realizzazione di soppalchi che utilizzano il  vetro sia per la zona calpestabile che come parete. Ci sono progetti molto arditi in questo senso e vi mostriamo una casa a doppia altezza costruita proprio come una scatola di cristallo. [caption id="attachment_25782" align="alignnone" width="650"] Una casa concepita come una scatola di cristallo[/caption] Scopri il progetto di questa casa
CONDIVIDI

Come arredare casa

Il tipo di illuminazione in una cucina moderna è fondamentale, sia per valorizzare l'ambiente, sia per aumentare la funzionalità della cucina. Possiamo scegliere tra diversi tipi di illuminazione: quella funzionale vicino ai piani di lavoro  l'illuminazione decorativa, ad esempio sopra il tavolo  l'illuminazione ambientale per dare luce a tutta la cucina. Ecco qualche consiglio per creare in cucina la giusta atmosfera. Come illuminare la cucina [caption id="attachment_24096" align="alignnone" width="622"] Cucina Icon di Ernestomeda[/caption] Per avere una cucina ben illuminata bisogna puntare su un equilibrato mix di luci per i piani da lavoro (sopra o sotto i piani e pensili e sopra i fornelli) e un'illuminazione ambientale. Se si sceglie di illuminare solo l'ambiente, vi sentirete come un grosso riflettore su di voi e cucinerete al buio. Il segreto è trovare il mix giusto di luci. L'illuminazione funzionale della cucina [caption id="attachment_19771" align="alignnone" width="622"] Cucina dal design essenziale e compatto, reinterpreta la linearità delle cucine senza maniglia in maniera originale.[/caption] Illuminare le zone di lavoro in cucina è una delle componenti più importanti, in quanto è la luce che permette di vedere durante la cottura o la lettura di ricette. Questo tipo di illuminazione deve essere ovunque si sta preparando il cibo.  Una luce brillante sopra il lavello della cucina che opera con un proprio interruttore è certamente una buona idea. Si dovrebbe anche prendere in considerazione l'illuminazione delle cucine ad isola, degli armadi così come nella dispensa. Alcuni modelli di cucina includono luci negli armadi sia sopra che nei profili internamente. Come illuminare la cucina e la zona living [caption id="attachment_19228" align="alignnone" width="622"] Lube: cucina Gallery[/caption] L'illuminazione ambientale crea quella sensazione intima e accogliente di una cucina e si posiziona sopra l'isola e vicino ai controsoffitti. Con le planimetrie aperte di oggi inoltre, dove la cucina è aperta sul soggiorno, l'illuminazione ambiente è ancora più importante. Visto che a nessuno piace mangiare con un'illuminazione troppo brillante, il consiglio è di usare un'illuminazione regolabile che consente di abbassare le luci, oppure lampade a sospensione e applique e plafoniere da incasso. Faretti e luci interne [caption id="attachment_14244" align="alignnone" width="622"] Princess di Castagna Cucine[/caption] L'illuminazione a led in cucina offre tutto lo spazio un look pulito e moderno.  Illuminazione decorativa della cucina [caption id="attachment_15403" align="alignnone" width="622"] Lampada Zettel’z di Ingo Maurer in edizione limitata; piatti in ceramica locale decorati a mano di Enza Fasano; cucina in acciaio inox realizzata su disegno[/caption] Per illuminazione decorativa della cucina si intende un bellissimo lampadario classico, applique o lampada a sospensione, che mette in evidenza il carattere della cucina. Questo è un modo perfetto per impostare il look della vostra cucina, dal moderno al rustico al retrò. Leggi anche: Come scegliere le luci in cucina Come ristrutturare la cucina Colori cucina: idee per rinnovare i colori    
CONDIVIDI
Segui Leonardo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv