Un uomo, una torre e il mare
Il restyling di una villa in riva al mare
Chiesuola: vivere in un ex monastero benedettino

Cosa vuol dire, all'inizio del terzo millennio,  abitare in un convento benedettino edificato nel Medioevo? Quanto può essere impegnativo trasformare in una civile abitazione un edificio nato con tutt'altra funzione? 

Questa è la storia di una sfida, quella della pittrice Marina Sinibaldi Benatti, appassionata di arredamento e interior design, alle prese con la realizzazione di un sogno.

E' nel  '700 che  i monaci benedettini, che nel 1300 edificarono il convento,  lasciarono le celle dell' ex monastero alla famiglia Visconti i cui eredi la abitano a tutt'oggi.

La Chiesuola, così si chiama la tenuta, si è trasformata gradualmente (con molta manualità, senso pratico e fantasia) grazie al talento e alla passione della proprietaria, che è riuscita nell'intento senza snaturarla. Le vecchie zie, dell'attuale proprietario, hanno abitato la Chiesuola fino all'ultimo, poi le stanze del corpo centrale dell'ex convento, sono sprofondate in un lungo "letargo" prima di essere riaperte dal nipote e dalla moglie all'inizio del terzo millennio.

L'impegnativo edificio dalle molte stanze, ereditato dal marito di Marina alla morte delle vecchie zie, è stato l'occasione di una originale re interpretazione, la possibilità di alternare la campagna alla città.
Marina ripercorre sale e stanze per narrare a modo suo la lunga vita della casa. Quando vide la Chiesuola per la prima volta, la parte delle servitù era in rovina e necessitava un intervento radicale per essere abitata da una famiglia di tre persone all'inizio del terzo millennio. La nuova fase della vita della Chiesuola inizia quindi con il colore rosso del battito del cuore. Del monastero è stata conservata l'intimità, la divisione in stanze, il percorso attraverso i corridoi, gli affacci all'interno e all'esterno.
Marina durante la fase di ristrutturazione ha utilizzato liberamente i materiali, il tek e il cemento (ma non solo), mantenendo però la suddivisione in stanze, quella dimensione di riservatezza e raccoglimento che il luogo, un tempo destinato alla meditazione, aveva conservato.
La serra molto curata oltre ad ospitare pranzi, cene, feste con gli amici, è anche lo spazio dove Marina dipinge. Con gli occhi della pittrice Marina ha osservato la Chiesuola, ha colto i colori della luce attraverso le ore del giorno, trasformati dall'incontro con gli spazi all'interno.

Marina ha utilizzato il passato per raccontare delle storie nuove, con leggerezza e intelligenza, ha rinnovato le importanti camere che al primo piano si affacciano su un corridoio continuo.
Un cortile fermato nel tempo da una coraggiosa colata di cemento da dove emergono delle isole di verde, richiama la sensazione di un quadro metafisico di De Chirico: una dimensione di irrealtà e sospensione dove c'è spazio per il pensiero e la meditazione, la prima funzione della Chiesuola. Così, a questa grande stanza a cielo aperto, si addice il nome di Corte metafisica.

Marina ha saputo guardare la chiesuola libera dai condizionamenti degli strati precedenti, dai secoli di storia, dagli usi che gravavano su questo edificio, senza per questo tradirlo.
Ha colto i colori della luce e ha visto la Chiesuola immersa in tutto il verde che le sta attorno e l'ha pennellata di bianco.
A ben guardare non è un bianco puro, ma con silenziose tonalità azzurrine.

In ogni stanza Marina racconta una storia, servendosi del vecchio come del nuovo, consapevole che ogni nuovo abitante riscrive, aggiunge un capitolo, ma non conclude il racconto.

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Fuga dalla città

Una villa a Capri con un panorama mozzafiato. Un vero e proprio eden creato con un progetto di risanamento e ristrutturazione minuzioso, che ha esaltato il carattere degli interni proiettandoli verso gli spazi esterni. GUARDA LA PHOTOGALLERY DELLA VILLA Questa proprietà si trova nel territorio del Comune di Anacapri ed è costituita da un fabbricato su due livelli con terrazzi esterni e da un ampio parco-giardino distribuito su diverse quote con andamento a terrazzamenti. L'opera dell’architetto Francesco Della Femina si è  focalizzata su alcuni punti cardine: innanzitutto aprire la casa verso l'esterno, cercando di sfruttare al massimo le aperture e aumentare la percezione del panorama e del giardino. Tale obiettivo è stato raggiunto non tanto con la realizzazione di nuove e più ampie aperture, che avrebbero snaturato la tipologia architettonica del fabbricato "caprese" fatto di volumi bianchi ben definiti ed articolati con vuoti ed aperture esterne molto contenute ed equilibrate, quanto con la minuziosa ricerca di uno schema distributivo interno. La bellezza di questa villa sta infatti, soprattutto nell’essere circondata da un panorama emozionante che inquadra la Baia di Napoli, Sorrento e l’isola di Ischia. Un altro elemento importante della proprietà è l'incantevole giardino che  avvolge e impreziosisce la villa. Oltre alle alberature esistenti autoctone dell’isola come querce, olivi, alberi di mandorli ed una grande palma, il progetto del verde curato da Antonella Sartogo Daroda ha visto l’inserimento di nuove essenze adatte alla zona d’ingresso in ombra: liriope muscari, ortensie in varietà e rose “Iceberg” e arbusti nani. Il parco, caratterizzato da vialetti e scale, tra le diverse aree e quote, al suo interno conserva un viale con colonnato chiaramente ispirato da quello della “Villa San Michele” di A. Munthe anch’esso ad Anacapri. Un vero eden, che conferma l’isola di Capri la più “bella del Reame”. Testo di Sara Lucci Foto di Marina Papa   
CONDIVIDI

Fuga dalla città

Case al mare da sogno. Chi non desidera una casa rifugio e una vista sul mare è certamente affascinante sia d'estate che d'inverno. GUARDA LA PHOTOGALLERY DELLE CASE AL MARE DESIGN Ecco i progetti delle più belle case al mare. Da Capri a Miami Beach, alcuni esempi di architetture suggestive e progetti di interni all'insegna dell'eleganza. Case al mare da sogno: il fascino di Capri [caption id="attachment_1092" align="alignnone" width="622"] Una villa a Capri con un panorama mozzafiato. Un vero e proprio eden creato con un progetto di risanamento e ristrutturazione minuzioso, che ha esaltato il carattere degli interni proiettandoli verso gli spazi esterni.[/caption] L'intramontabile bellezza di Capri che rimane una delle mete più esclusive e in cui si trovano bellissime case da sogno. Questa proprietà si trova nel territorio del Comune di Anacapri ed è costituita da un fabbricato su due livelli con terrazzi esterni e da un ampio parco-giardino distribuito su diverse quote con andamento a terrazzamenti. La villa fu costruita negli anni trenta da una famiglia napoletana che all'epoca trascorreva a Capri le proprie vacanze estive. GUARDA LE IMMAGINI DELLA VILLA [caption id="attachment_790" align="alignnone" width="622"] Una villa a capri progettata dal'architetto Gundi Widmann[/caption] Due professionisti napoletani si sono rivolti all'architetto Gundi Widmann per trasformare il pianterreno in un condominio storico nel luogo ideale dove rilassarsi e dimenticare la frenesia della città. Porte-finestre ad archi in ferro battuto, disegnate dall’architetto e realizzate da un abile artigiano caprese,  collegano, il living di questa splendida casa al mare con un terrazzo che prosegue in un ameno giardino, con vista sul Golfo di Napoli e Anacapri. GUARDA TUTTE LE IMMAGINI DELLA CASA [caption id="attachment_20514" align="alignnone" width="622"] Un ritratto di Ilaria Spada sulla terrazza della sua casa[/caption] Capri, per Ilaria Spada, è la vacanza necessaria, anche se breve, per staccare ed isolarsi. Il suo rifugio è una casa al mare moderna, in uno stile originale rispetto alla classiche case capresi. Ideale per un soggiorno romantico. GUARDA LE IMMAGINI DELLA CASA Case al mare: il glamour della Versilia [caption id="attachment_742" align="alignnone" width="622"] Una villa design in Versilia[/caption] Era un capanno a un piano, rialzato da terra, con ampie vetrate, un bell’edificio, di quelli in gran voga tra la gente bene nella Versilia degli anni Sessanta. Per la ristrutturazione non si è trattato di rinnovare qua e là qualcosa con interventi di interior design, volti per lo più a attualizzare atmosfere esistenti, ma di un importante progetto di ristrutturazione, che ha coinvolto strutture e materiali. Ne è risultato uno spazio di 450 metri quadrati, articolato su vari livelli, che giocano su viste inaspettate negli interni e in giardino. GUARDA LE IMMAGINI DELLA VILLA Case al mare: il sogno di Miami Beach Chi non vorrebbe una casa al mare con una vista come questa. Questa camera da letto fa parte di una villa a Miami dal design propompente, così come la sua vista sulla Baia. La villa si trova a Sunset Island 2, la seconda di una serie di quattro isole esclusive nella Biscayne Bay, a Miami Beach. GUARDA LE IMMAGINI DELLA VILLA [caption id="attachment_1697" align="alignnone" width="622"] A pochi chilometri da S. Francisco, una villa aperta verso la baia attraverso vetrate a tutt'altezza, come una scatola di cristallo[/caption] Una villa design a Tiburon su una splendida collina da dove si può godere della spettacolare vista sulla Baia di San Francisco. Alcuni muri perimetrali, interni ed esterni, sono stati realizzati con liste orizzontali in pietra di Gerusalemme, tagliate su misura e provenienti da Israele; una scelta tutta giocata sul contrasto tra il fascino ed il colore caldo della pietra e gli altri materiali contemporanei e innovativi. GUARDA LA PHOTOGALLERY DELLA VILLA Guarda anche: Una villa design a Portocervo Una villa storica in Costa Smeralda Immobiliare: comprare casa in Sicilia  
CONDIVIDI

Fuga dalla città

Questa casa da sogno sul Lago di Garda è la casa di villeggiatura di una giovane famiglia di origine tedesca. GUARDA LA PHOTOGALLERY DELLA VILLA Il progetto, basato sulla completa demolizione di un edificio esistente risalente ai primi del Novecento e sul suo totale rifacimento, è stato affidato all’architetto Andrea Rigo di Plan Architettura. Sfruttando il naturale dislivello del terreno, che ai più sarebbe sembrato un limite, e valorizzando la morfologia e le emergenze rocciose, l’architetto ha concepito un edificio in perfetta comunione con il contesto esterno, parzialmente incastonato nell’avvallamento naturale, in posizione arretrata rispetto al lago e talmente protetta da rendere la  casa invisibile a chi, in macchina o in bicicletta, percorre la strada statale che corre a monte della proprietà. Il progetto della casa Fulcro dell’interior, al primo piano della casa, è sicuramente il grande living, in totale dialogo con l’outdoor grazie alle ampie vetrate a giorno che incorniciano la vista di Riva del Garda e delle Dolomiti di Brenta, con il massiccio della Tosa. Le grandi aperture scorrevoli, a sud e a ovest, rendono particolarmente luminoso l’ambiente, arredato con divani monoposto extralarge e i tappeti di Kinnasand. L’area dining, che una spalletta in Cristalplant®, realizzata su misura, separa dalla  zona cucina, con il modello Alea di Varenna, è arredata invece con le poltroncine Taormina di Alias, disposte intorno al grande tavolo disegnato da Philipp Mainzer per E15. Attigua alle stanze dei bambini, gode di un’ampia terrazza privata anche la camera padronale, collegata al livello inferiore da una scala a nastro, che conduce al grande bagno padronale. Concepito come un’oasi di relax, al riparo dai figli e dagli ospiti che la casa accoglie frequentemente in estate, la sala da bagno, arredata con doppio lavabo sospeso in Cristalplant ® e vasca freestanding nel modello I Fiumi di Boffi, si affaccia su un grande giardino ad uso esclusivo dei padroni di casa. Ma un elemento che non manca di sorprendere chi visita la casa per la prima volta è sicuramente il bunker in cemento armato risalente alla Seconda Guerra Mondiale, rinvenuto nel corso dei lavori. Edificato dall’esercito italiano a scopo difensivo e costituito da un lungo cunicolo che ha il suo ingresso poco  distante dalla riva del lago, è stato preservato nella sua più completa integrità strutturale e materica,  reinventandone la funzione. Nella porzione più arretrata rispetto all’ingresso, è stata infatti ricavata una suggestiva area relax, incorniciata da pannelli di vetro retroverniciato di un vivace rosso e attrezzata di sauna in legno di Starpool, adagiata sul pavimento originario ricoperto di ghiaia. Un autentico rifugio, intimo e in assoluto silenzio, perfetto per sgombrare la mente da eventuali preoccupazioni e liberare il copro dalle tossine, prima di un rigenerante tuffo nelle acque del lago. di Anita Laporta foto di Gianni Franchellucci
CONDIVIDI
Segui Leonardo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv