alice lifestyle leonardo marcopolo

Un portoncino in legno dipinto di blu, come il tetto della casa, introducono alla Tana Blu, la dimora al mare, sul litorale a nord di Roma, della stilista Anna Fendi, dall’atmosfera magica, come quella delle favole.

Un regno che Anna ha reinventato con l’architetto Dimitri Coromilas, senza stravolgerne la precedente identità.

Il living

[ltGallery id=”31875″]Anna Fendi: la casa che sfiora il mare[/ltGallery]

Appena si entra si resta affascinati dalla sinfonia di bianco e blu delle piastrelle,  delle finestre, dei piatti, degli oggetti, dei tessuti in cretonne stampato che ricoprono i divani: colori ispirati dal mare, a pochi passi dalla casa, ma che non sono una fissazione, come ci tiene a precisare la stilista, “bensì un omaggio che ho voluto fare alle persone che mi hanno preceduta”.

La veranda

La casa di Anna Fendi si potrebbe definire una vera e propria tana in blu

Appartenuta alla contessa Marina Cicogna e poi a Ruggero e Laura Bises, la casa è sempre stata frequentata da personaggi famosi, come Marcello Mastroianni, Gillo Pontecorvo, Pierre Cardin, Adriana Asti, Ugo Gregoretti, Renato Guttuso e celebrità internazionali.

“Molti dei tessuti e oggetti presenti”, spiega Anna Fendi, “sono ancora quelli di Valentino Più, la linea disegnata da Ruggero e Laura Bises per Valentino, che ho conservato gelosamente e poi integrato con parei e tessuti che ho trovato in Malesia, Cina e Indonesia”.

Nella veranda

Il mare è sempre presente, nei colori e nelle decorazioni di ogni ambiente della casa

La grande passione di Anna per tutto ciò che è speciale e la sua attenzione ai dettagli, la sua costante e curiosa ricerca trovano conferma all’ingresso, con un pavimento realizzato in antiche piastrelle di Vietri che, in salotto, cede il passo a maioliche Art Decò e a quelle originalissime, in marrone e bianco, risalenti ai primi del Novecento, con disegni ripresi da modelli ravennati del 1500, che rivestono una console.

Dettagli d'autore

Sopra la console in muratura rivestita in piastrelle antiche, ispirate a esemplari ravennati del 1500, una foto di Anna con la figlia Silvia, realizzata da Richard Avedon e rivisitata da Francesco Bruscia. Sulla console, vasi cinesi e indonesiani; pavimento in piastrelle di Vietri.

A focalizzare l’attenzione, sulla parete, una bellissima foto scattata a New York da Richard Avedon, rivisitata, ingrandita e glitterata da Francesco Bruscia, e che ritrae, in un atteggiamento molto dolce, Anna e la figlia Silvia.

Il camino

Camino decorato con maioliche di Vietri

In salotto, intorno al grande camino decorato con maioliche azzurre, si raccolgono i comodi divani ricoperti in cretonne nei toni del blu di Valentino Più, retaggio della proprietà precedente; armonie di bianco e di blu spalmate sul coffee table con il piano in maiolica, alle pareti, sugli oggetti, con l’unica eccezione, in giallo, per la tela di Mario Schifano, l’Albero della Vita, che spicca sopra una credenza.

La camera da letto di Anna Fendi

Nella camera padronale, letto con doppia testiera, in vimini laccato bianco e imbottita, con rivestimento tessile.

Colori replicati anche nella camera da letto padronale, celebrazione della femminilità con un letto rivestito in tessuto a fiori e cuscini di un tono più chiari, mentre il bagno e il salottino accolgono, sulle pareti, i piatti collezionati da Anna nei suoi viaggi.

La sala pranzo

La camera da pranzo, con il tavolo disegnato dall’architetto Dimitri Coromilas, in cristallo e base rivestita in conchiglie.

L’originale camera da pranzo è un omaggio e un inno al mare, con pavimenti in piastrelle antiche di Vietri bianche e blu, un tavolo con piano in cristallo su una base ricoperta di conchiglie raccolte sulla spiaggia, disegnato dall’architetto Coromilas, e un camino inserito su un fondo in roccia marina.

La casa di Anna Fendi

Sul litorale laziale, la villa dedicata alle riunioni familiari, tra tessuti d’autore e ricordi di viaggi.

La veranda, tra una parete su cui si legge una romantica poesia, poltrone di vimini e un tavolino su cui un disegno composto con chicchi di caffè fa da  fondo a caffettiere e teiere di design, anticipa la fila di tavoli in ferro con il piano in piastrelle disegnati da Coromilas, uniti in un unico tavolo che si allunga fin quasi sulla spiaggia, sotto la capriata a pagoda, pure su disegno dell’architetto, che invita il mare ad entrare in casa.

L'esterno della casa

Con l’architetto Dimitri Coromilas, Anna Fendi ha reinventato gli interni.

Nel giardino, in una folta macchia mediterranea, il gazebo in legno dipinto di blu, da cui si domina la spiaggia, è pronto per l’aperitivo di benvenuto a tutta la famiglia.

GUARDA LA PHOTOGALLERY CON LE IMMAGINI DELLA VILLA

di Marina Pignatelli

foto di Gianni Franchellucci

Share This