Progettare l'efficienza Viessmann – Grande successo dei primi 5 incontri
Mostra 'Il Palazzo della Farnesina e le sue collezioni' fino al 4 settembre 2011
Come arredare la camera da letto: stili e tendenze

Come arredare la camera da letto moderna ? Partiamo dal presupposto che la camera da letto è diventata un rifugio quando si torna a casa, è un luogo per sentirsi tranquilli e sereni. Le ultime tendenze tengono conto di questo aspetto, per cui la camera da letto si è trasformata in un vero rifugio, in una zona per il relax.

GUARDA LA PHOTOGALLERY CON LE CAMERE DA LETTO 2014

Camera da letto moderna: idee e tendenze

A firma di Jean Marie Massaud, un letto imbottito dalle linee semplici e con un morbido rivestimento. La nota cromatica nella testata dà carattere all’intera composizione, cui si abbinano, dello stesso marchio, contenitori, materassi, guanciali e complementi.

Oggi più che mai la camera da letto moderna sta diventando un ambiente sempre più spazioso. Si tende infatti, a destinare alla camera da letto una delle stanze più ampie della casa affinchè possano realizzarsi all’interno delle cabine armadio e dei bagni a vista con delle vasche da bagno, insomma una camera da letto quasi come una suite di un hotel.

La tendenza è a creare una zona notte, non una semplice camera da letto, e nei progetti di case a più livelli, quando si progetta la zona notte, si tende ad includere anche delle zone collegate alla camera da letto che fungono da aree relax e possono contenere un camino o possono essere delle zone dedicate all'allenamento quotidiano.

Il loft dei sogni - Bagno e camera da letto

Anche per quanto riguarda il bagno padronale, la tendenza è a creare un unico grande ambiente e non due stanze separate, in cui lavabi e vasca da bagno o doccia siano a vista, mentre gli igienici sono contenuti in una piccola stanza.

Arredare la camera da letto moderna come una suite

La camera da letto moderna è un luogo in cui rifugiarsi, per cui nella scelta dei colori delle pareti, meglio optare per toni caldi.

Nella camera da letto moderna sono utilizzati molto i parati

Molto utilizzata anche la carta da parati, che rende l’ambiente più intimo e personalizzato. Da non sottovalutare anche l'illuminazione nella camera da letto che è fondamentale per esprimere il concetto del comfort.

Come arredare la camera da letto moderna: stili

Una camera da letto moderna di un loft a New York

Sono finiti i tempi di pizzi, merletti e fronzoli, oggi la tendenza è verso complementi in lino bianco, seta grezza e tessuti naturali. In questo scenario da suite, non è più di moda rifare il letto coprendo i cuscini con il copriletto. Meglio lasciare il copriletto abbassato per scoprire la biancheria del letto.

Le alte testiere imbottite, ora sono sostituite da testiere in legno naturale.

Per il pavimento la scelta consigliata è il parquet, magari nei toni scuri, e un tappeto moderno completerà l’arredamento della stanza. Se ci si vuole ispirare proprio in tutto ad una suite di un hotel, allora perché non aggiungere un mini-bar, e da non dimenticare mai un impianto per la musica.

Alle pareti della camera da letto, una boiserie in abete naturale spazzolato e impregnato con oli naturali. Accanto al letto di Gervasoni, la lampada Parentesi di Artemide. Vasca su disegno dei progettisti, realizzata in muratura e rivestita in resina by Rezina.

La camera da letto come un salotto privato in cui dedicarsi al relax e alla meditazione.

GUARDA LA FOTO GALLERY CON LE IDEE PER LA CAMERA DA LETTO

LEGGI COME ARREDARE LA CAMERA DA LETTO MODERNA

 

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Come arredare casa

Dal classico laminato alla ricchissima gamma di pietre, passando per corian, vetro e acciaio. Il piano da lavoro della cucina è un elemento fondamentale. Scopriamo i nuovi materiali e le ultime tendenze per il top della cucina. [caption id="attachment_23403" align="alignnone" width="622"] Cucina Ballarini con top in ardesia[/caption] C'è stato un tempo in cui il granito sembrava essere l’unico materiale per il top della cucina. Da qualche anno la scelta dei materiali per i piani della cucina si è ampliata e i designer sperimentano sempre nuove soluzioni. Corian, acciaio, cemento, scopriamo i nuovi materiali per piani lavoro e top cucina. Piani cucina in quarzo [caption id="attachment_23404" align="alignnone" width="622"] Piano top quarzo serie Cartapietra superwhite finitura grain[/caption] Uno dei materiali più utilizzati per i top della cucina è il quarzo, un materiale robusto ed elegante per la cucina. Il quarzo è estremamente duro e resistente, per cui è una scelta certamente durevole. Il piano cucina in quarzo è anche facile da pulire (bastano acqua e sapone) ed è disponibile in una vasta gamma di colori. Unico difetto del top in quarzo è che questo materiale non è così tollerante al calore rispetto ad altri materiali. Piani cucina in cemento [caption id="attachment_23405" align="alignnone" width="622"] Cucina Toncelli con top in cemento fibrorinforzato, resistente ma estremamente plasmabile[/caption] I top in cemento sono tra le scelte più in voga in questo momento. Questi piani da lavoro sono resistenti, antigraffio e resistenti al calore (se si sigilla in modo corretto), ed è possibile personalizzare il piano per la cucina come forme e consistenze a seconda del look della cucina. Alcuni svantaggi del top in cemento sono il peso consistente, è più sensibile alle macchie e ad alcuni liquidi acidi come un banale succo d’arancia. Piani cucina in vetro [caption id="attachment_23406" align="alignnone" width="622"] Cucina Artematica di Valcucine con piano da lavoro in vetro[/caption] Negli ultimi anni i piani da lavoro in vetro sono molto di moda, forse perché sono ideali in ambienti moderni e in cucine di tutte le dimensioni. I top in vetro sono resistenti al calore, non si macchiano facilmente e non essendo il vetro un materiale poroso è una scelta molto igienica. Tra gli aspetti negativi c’è la possibilità della rottura e che le impronte digitali sono molto più visibili, un problema da non sottovalutare se avete dei bambini. Piani cucina in acciaio Chi non ha avuto una serie di elettrodomestici in acciaio inossidabile? Dunque perché non scegliere anche il top della cucina in acciaio inox grazie alla capacità di questo materiale di resistere alle macchie e al calore. Non essendo una superficie porosa, l’acciaio è igienico e facile da pulire ma come il vetro, mostra anche ogni singola impronta digitale. L'acciaio inossidabile può anche essere suscettibile di ammaccature e graffi. Piani cucina in pietra lavica La scelta di realizzare i top della cucina in pietra lavica sta riscuotendo molto successo nell’ultimo periodo. I piani da lavoro in pietra lavica sono quasi impermeabile alle macchie, al calore e ai graffi. Ma poiché è una scelta “all’ultima moda” è una delle opzioni più costose. Piani cucina in corian [caption id="attachment_21894" align="alignnone" width="622"] In cucina, gli arredi sono realizzati su misura, su disegno di Studio Archline, con ante complanari scorrevoli entranti e a battente e con piano in corian; l’isola centrale operativa è il modello Convivium di Arclinea; pavimenti in gres di Mutina e resina[/caption] Il corian è un materiale ricavato da una sapiente miscela di minerali naturali, pigmenti e polimeri acrilici, brevettata daDuPont più di trenta anni fa e che, ancora oggi, ricopre una posizione di prestigio tra i diversi materiali per superfici solide. Il corian ha straordinarie proprietà di resistenza e di flessibilità e può essere plasmato per realizzare le forme più diverse e particolari, adattandosi perfettamente, grazie anche alla vasta gamma di colori e finiture disponibili, sia agli ambienti classici che a quelli moderni.  Proprio per questi motivi il corian è uno dei materiali più diffusi per i piani da cucina, grazie all'eccellente resistenza a macchie e abrasioni unita ad un'estrema facilità di pulizia. Il top in corian, infatti, essendo liscio, è privo di fessure e porosità nelle quali potrebbe raccogliersi lo sporco. Leggi anche: Come pulire la cucina  
CONDIVIDI

Come arredare casa

Decidere e montare le tende alle finestre è il momento per definire l'aspetto e l'atmosfera di una stanza. Ogni tipo di finestra ha la sua tenda ideale e non è solo il tessuto da considerare ma anche la piega  e la lunghezza della tenda. [caption id="attachment_21456" align="alignnone" width="622"] Tende per interni Christian Fischbacher[/caption] Tendaggi o tende per interni ? I termini tende e tendaggi sono spesso usati come sinonimi, ma in realtà c'è una differenza e sta nell'effetto e nell'utilizzo che desideriamo dalle tende per le finestre. I tendaggi sono generalmente realizzati con tessuti più pesanti e sono montati per bloccare la luce durante il giorno e tenere il calore durante i mesi più freddi. I tendaggi di solito sono montati dal pavimento al soffitto. I drappeggi realizzati con i tendaggi, che hanno uno stile più formale, sono  generalmente più costosi a causa della fodera e tessuto in più necessari per fare la piega. Le tende invece, tendono ad essere meno formali, i tessuti sono più leggeri e generalmente le tende sono meno costose dei tendaggi perchè richiedono meno tessuto. Come scegliere le tende per interni Quando si sceglie una tenda, è importante pensare allo stile della stanza e dell'arredamento e non c'è da scegliere solo il tessuto per la tenda ma anche il tipo di drappeggio. Questi sono i più comuni. [caption id="attachment_21459" align="alignnone" width="622"] Pieghe e drappeggi per le tende[/caption] photo credit www.ehow.com I primi quattro drappeggi, da quelli alla francese a quello europeo, sono più  adatti ad ambienti formali mentre gli ultimi tre sono più adatti ad ambienti moderni. Tende per interni: la scelta della lunghezza Se si desidera avere un look più casual e rilassato, appendere le tende in modo che il pannello si bloccchi a circa 1/2 metro dal pavimento. Per un look più formale, la tenda dovrebbe essere lunga fino a sfiorare il pavimento o si può creare l'effetto "pozzanghera" con il tessuto più lungo sul pavimento. Tende per interni: come montarle Montare le tende può sembrare un'operazione abbastanza semplice, ma in realtà ci sono alcune regole molto semplici da seguire che renderanno la vostra stanza più alta e più profonda. [caption id="attachment_21461" align="alignnone" width="622"] Come montare le tende alle finestre: il primo esempio è quello corretto, mentre nel secondo le tende tendono a non dare altezza e profondità alla stanza[/caption] photo credit www.ehow.com Bisogna sempre montare le tende sopra la cornice della finestra mentre generalmente si ha la tendenza a posizionare l'asta della tenda direttamente sopra il telaio della finestra. Come punto di riferimento utilizzate la cornice del soffitto: l'asta della tenda deve essere posizionata poco sotto. Questo attira lo sguardo verso l'alto, allungando lo spazio e facendolo apparire più alto. Se siete alla ricerca di un look più casual, quando si misura la lunghezza della tenda, assicuratevi di tenere conto del tessuto in più necessario ad avere le tende che sfiorano appena il pavimento con l'asta montata appena sotto la cornice del soffitto. Le tende a pannello [caption id="attachment_18150" align="alignnone" width="622"] Tende a pannello di Resstende con il sistema automatico "QMotion"[/caption] Le tende per interni a pannello Le tende a pannello sono la scelta ideale per chi vuole dare un look moderno alla casa. In total white, oscuranti o con fantasie, le tende a pannello sono una scelta funzionale e molto originale. Leggi anche: Tessuti d'arredo per la primavera/estate 2014 Come pulire vetri e finestre  
CONDIVIDI

Come arredare casa

L'enigma della scarpiera. Non importa quanto sia grande la vostra casa o il vostro armadio, perchè lo spazio per le scarpe non basta mai  e non è nemmeno facilissimo ricarvarlo. In una casa spesso pensiamo a tutti i dettagli e capita che ci si dimentichi della scarpiera. A volte si pensa di sistemare la scarpiera nello spazio esterno ma a meno che non si realizzino dei mobili su misura e adatti a non far entrare l'umidità, non è proprio il massimo sistemare le scarpe all'esterno e forse sarebbero poche le donne disposte a non avere "a portata di mano" le amate scarpe.  Si può sistemare una scarpiera anche in casa senza occupare troppo spazio. Ecco qualche idea fai da te per suggerirvi come organizzare al meglio la scarpiera. La scarpiera classica Per chi ha la fortuna di avere una piccola cabina armadio, ecco il modo più pratico per sistemare le scarpe, realizzando una scarpiera a mensole su cui avere a vista tutte le scarpe. Si può utilizzare lo stesso sistema anche per la realizzazione di un "armadio-scarpiera" con le ante battenti magari a specchio. L'armadio scarpiera di Ikea Ecco un'idea salvaspazio firmata Ikea. L'armadio scarpiera che consente di contenere tante scarpe e può essere posizionato in qualsiasi ambiente. La composizione proposta prevede in alto dei contenitori per le sneakers, al centro le scarpe femminili e in basso le forme per le scarpe maschili. Una soluzione perfetta per contenere le scarpe di tutta la famiglia. Grazie alla possibilità di composizione dei mobili Ikea, se trovate questa idea troppo costosa, potete comunque scegliere un armadio diverso, più basico, l'importante è la composizione interna della scarpiera. Se poi volete giocare di originalità, ecco un'altra idea scarpiera Ikea: parete colorata, scarpe e scatole a vista, una vera e propria composizione design. Il mobile scarpiera È il classico mobile scarpiera che tutti conosciamo e in foto è una proposta scarpiera Mondoconvenienza. Questo tipo di mobile è elegante esteticamente, non è ingombrante ma contiene poche scarpe e prima di sceglierlo verificate bene l'altezza dei tacchi perchè a volte con tacchi superiori ai 10 centimetri non si riesce a chiudere lo sportello. La scarpiera appesa Invece di disporre tutte le scarpe a terra, ecco delle idee originali per disporre le scarpe a parete. Si salva un sacco di spazio, e tutto ciò che serve è a portata di mano. Tra le idee originali la "scala scarpiera" magari da utilizzare solo per le scarpe più belle o che si mettono più di frequente.  La scarpiera creativa Per tutti gli amanti del fai da te o per chi ama sperimentare, ecco delle originali scarpiere in legno realizzate con le cassette della frutta. Basta dipingere le cassette di un colore a vostra scelta e sospenderle a parete. Sicuramente tra le scarpiere più originali. Dunque dopo aver sistemato l'armadio, dopo aver scelto la scarpiera, non vi resta che inaugurarla con un nuovo paia di scarpe (regalate possibilmente). [caption id="attachment_20916" align="alignnone" width="622"] Una scena del film Sex and the City[/caption]  GUARDA LA PHOTOGALLERY CON LE IDEE SCARPIERE
CONDIVIDI
Segui Leonardo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv