Techtile basic: il tetto che diventa sistema attivo
Eco-factor: Solare termico e fotovoltaico
Caldaia Vitoligno 300-P: la nuova generazione delle caldaie a pellet

Sicurezza d'esercizio, rendimento energetico al top della categoria ed elevata autonomia: sono solo tre tra le numerose caratteristiche che rendono la nuova caldaia a pellet Vitoligno 300-P di Viessmann ai vertici dei generatori a biomassa.
L'ampia gamma di potenzialità da 4 a 48 kW permette di soddisfare anche il fabbisogno termico di elevate dimensioni. La caldaia, completamente automatica, raggiunge un grado di rendimento pari al 95% con emissioni estremamente ridotte grazie a particolari peculiarità tecniche: tra le altre, l'adattamento automatico delle superfici di scambio termico a tre giri di fumo a seconda del fabbisogno di calore (principio Variopass brevettato da Viessmann), l'accensione automatica a basso consumo energetico, la pulizia automatica delle superfici di scambio e della camera di combustione tramite griglia a lamelle girevole, che elimina i residui della combustione.
La sicurezza d'esercizio è garantita inoltre dal sistema di carico a valvola stellare, il quale garantisce un dosaggio esatto del combustibile evitando possibili ritorni di fiamma.
La caldaia è gestita dalla rinomata regolazione Vitotronic, che consente la diagnosi continua di tutto il sistema, la gestione di due circuiti di riscaldamento miscelati o un circuito di riscaldamento miscelato con impianto solare, oppure con bollitori combinati.
Vitoligno 300-P è disponibile in due versioni: a caricamento automatico ( tramite coclea flessibile o sistema di aspirazione) nel campo di potenzialità da 4 a 48 kW e a caricamento manuale per le potenzialità fino 4 a 24 kW. Quest'ultima versione, particolarmente adatta nel caso in cui gli spazi disponibili siano ridotti e non rendano possibile l'installazione di un serbatoio per il combustibile; il comfort è assicurato dall'elevato contenuto di pellet nel serbatoio compatto (oltre 180 kg di capacità) .
L'ampia gamma di complementi di sistema Viessmann (accumuli termici, collettori solari) permette l'impiego della caldaia in qualsiasi tipologia costruttiva, rendendola ideale per le nuove costruzioni e nei casi di ammodernamento degli impianti.

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Hi-tech

La domotica e tanti dispositivi automatizzati da anni sono entrati nelle nostre case e non solo ci aiutano nella quotidianità ma ci hanno reso più sensibili sull'importante tema del risparmio energetico. Ecco un'altra rivoluzionara novità: si chiama Biro Robot ed è stato costruito per l'ottimizzazione e la personalizzazione dei flussi di energia. Una specie di omino intelligente che ci aiuta a capire come consumare in maniera corretta, quindi come risparmiare energia e ridistribuire al "nostro vicino" l'energia in eccesso. Biro Robot oltre ad essere utile è anche super friendly e dal design accattivante perchè è un vero e proprio robottino dall'aria amichevole. Un compagno, un alleato in casa che ci assiste per non sprecare energia e quindi a ridurre anche i consumi. [caption id="attachment_46242" align="alignnone" width="622"] Marco Santerelli, l'inventore di Biro Robot[/caption] L'inventore è Marco Santarelli, esperto Analisi delle Reti, Direttore di Network Istituto di Ricerca Internazionale e di ReS On Network – Studies on Networks and Critical Infrastructure, Associato Cnr. È proprio lo stesso Marco Santarelli a spiegarci qui di seguito nel dettaglio come funziona e a cosa serve Biro Robot. Come funziona Biro Robot Questo piccolo robot inizierà a girare nelle nostre case  e grazie ad un microchip interno misura le abitudini energetiche della famiglia presa in questione, studiando per 30 gg il volume dei dati globali della casa, dalla più banale accensione e spegnimento delle luci e frequenza dell’accensione stessa, alla più complicata analisi dei dati relativi all’assorbimento energetico degli elettrodomestici. Nel frattempo, grazie ad una sua memoria interna, il robot svilupperà una rete intelligente, in grado, come detto sopra, di regolamentare i flussi energetici in base ai consumi studiati e al nostro fabbisogno. Questo Robot, alto circa 35 cm, con pannellini fotovoltaici sulle spalle, con un scheda di analisi dentro, “colloquia” con l’esterno attraverso i suoi occhi in cui sono posti degli infrarossi. In sintesi analizza i nostri dati, li elabora attraverso un algoritmo e ottimizza il consumo di energia elettrica attraverso una distribuzione efficiente ed intelligente. [caption id="attachment_46238" align="alignnone" width="622"] Biro Robot, il robot che ci aiuta a risparmiare in casa[/caption] A cosa serve Biro Robot Se consideriamo il fatto che il consumo domestico è poco più del 6,7% del consumo nazionale, proviamo ad immaginare a quanto potrebbero risparmiare, se applicassimo questo modello alle aziende, e quanto di aiuto saremmo all'ambiente. Lo scopo del Robot “Biro”, è quello, sulla scia del fenomeno dei Big Data, di monitorare, analizzare e ottimizzare l’incredibile mole di informazioni che oggi sono immagazzinabili e che è possibile velocemente elaborare. Il Robot, incrociando i dati di ogni genere e non limitandosi ad un campione, fa una “fotografia” energetica dell’appartamento, una diagnosi che si pone l’obiettivo di capire in che modo è utilizzata l’energia (ricostruzione di un bilancio in usi finali), individuare eventuali cause di sprechi e quali interventi possono essere posti in essere, al fine di valutare non solo la fattibilità tecnica, ma anche e soprattutto quella economica delle azioni proposte. Attraverso il Robot Biro, entra in gioco il nostro stesso modello di sviluppo. Siamo cresciuti sull’idea che le risorse energetiche fossero inesauribili, così non è. Oggi, la tecnologia e la ricerca hanno il compito di proporre alla società e ai suoi amministratori soluzioni innovative, che rendano possibili altre strade.
CONDIVIDI

La casa Bio

L’Italia ha vinto, quest’anno, l’European Solar Decathlon con il progetto RHome. Che cos'è l'European Solar Decathlon La gara, nata nel 1999 negli Stati Uniti e promossa dal Dipartimento di Energia del Governo USA, nel 2010 si trasferisce anche in Europa e nel 2014 il concorso si è svolto in Francia, a Versailles. Venti selezionati team universitari, provenienti da tutto il mondo, si sono confrontati in una sorta di “Olimpiade dell’Architettura sostenibile”, con l’obiettivo di progettare, costruire e simulare una vera vita domestica in un edificio residenziale ad alta efficienza energetica, alimentato con la sola energia solare. Ogni eco-casa (in totale sono 16, una per ogni Paese partecipante) è stata sottoposta a dieci prove che, tramite monitoraggio e valutazioni di giurie internazionali, ne hanno svelato caratteristiche e prestazioni tecniche. [caption id="attachment_28621" align="alignnone" width="800"] da www.rhomefordencity. it; Photo by Lorenzo Procaccini[/caption] Dopo la prima partecipazione italiana al Solar Decathlon 2012 nell’edizione di Madrid, con la casa “MED in Italy”, nel 2014 il gruppo di ricercatori, studenti e docenti dell’Università degli Studi Roma TRE e del Politecnico di Milano, con la proposta RHome, ha vinto la competizione. Il progetto RHome Il progetto verte su cinque temi: Rigenerazione Relazione Rapidità Riduzione Riuso La rigenerazione urbana passa attraverso la densificazione degli edifici, con il conseguente aumento del suolo da convertire ad uso pubblico e a mobilità ridotta, che crea nuove opportunità di relazione tra persone e permette di ritrovare un’identità locale. Tutto ciò può avvenire in tempi rapidi, con soluzioni costruttive innovative e dinamiche, che consistono nella industrializzazione dei componenti dell’edificio (in legno), con tempi e costi chiari, e una più veloce manutenzione dell’edificio. L’impatto ambientale dell’edificio diminuisce considerevolmente se si considera ogni intervento in un’ottica di efficienza energetica e di fattibilità di progetto. Si tratta di integrazione smart tra differenti elementi che lavorano in un unico organismo. Oltre al risparmio energetico e all’uso delle risorse rinnovabili di energia, un intervento sostenibile prevede oggi una giusta scelta dei materiali, il riciclo delle acque e la riconfigurazione dei componenti. Forse è stata proprio questa la filosofia che ha permesso al team italiano di vincere. La struttura di RHome La struttura dell’edificio è concepita in modo da consentire la massima flessibilità e, in particolare, la possibilità di modificare e far crescere l’alloggio a seconda delle esigenze familiari. L’ innovazione in questo senso è quella di pensare alla futura trasformazione già in fase di  progettazione, anticipando diverse possibili configurazioni. Il prototipo presentato a Versailles è un appartamento di 60 mq che rappresenta l’ultimo piano del nuovo complesso urbano RHome. In questa casa, dove si nota di più l’integrazione con l’ambiente urbano, sono presenti caratteristiche architettoniche e innovazioni tecnologiche che non compaiono in un piano tipo o nel piano terra. Lo spazio è articolato intorno al nucleo 3d, centro strutturale della casa ed elemento gerarchizzante e caratterizzante dello spazio, definendone le varie aree: la cucina , il soggiorno e la camera da letto. Le finestre sono protette da logge la cui presenza, nei due angoli  opposti, assicura uno schema originale e versatile. Il prototipo di Versailles è solo una delle possibili configurazioni del progetto RHome. Entrando nel particolare della competizione, le due aree principali della casa relative alla vita pubblica (soggiorno) e alla vita intima (camera da letto) hanno un contatto diretto con il mondo esterno. In questo modo ognuno di questi spazi riceve il tipo di luce naturale più adatto alla propria funzione. Una grande attenzione è stata posta anche sulla scelta dei materiali e sulle tecnologie in grado di ridurre il più possibile i consumi. Utilizzando uno stile innovativo e metodi di costruzione avanzati, RHome si concentra su nuovi concetti di sostenibilità ambientale per ottimizzare le risorse climatiche e i materiali locali. Uno dei principali problemi tipici del clima di Roma è rappresentato dal caldo estivo, cui ovviare con una serie di strategie passive come, ad esempio, la morfologia strategica della casa (cioè la corretta distribuzione degli spazi interni); la progettazione dell’involucro edilizio (esposizione delle superfici vetrate, isolamento termico, forma dell’edificio); l’ombreggiamento estivo attraverso le logge; l’inerzia termica garantita da masse naturali; la ventilazione naturale ottenuta da aperture strategiche che innescano una ventilazione incrociata. Altro elemento innovativo di attenzione all’ambiente è la possibilità di dosare l’ingresso della luce naturale utilizzando schermi ombreggianti fotovoltaici. di Daniele Giorgi
CONDIVIDI

La casa Bio

Fluidi e senza spigoli, caldi e accoglienti, gli ambienti di Suite 22, un interessante progetto di Soligno, marchio affiliato al Gruppo Rubner, rivolto al settore alberghiero per l’abitare sostenibile. Una suite di 60 mq come prototipo di una nuova concezione di ospitalità: l’intera suite è infatti costruita all’insegna dell’artigianalità e della sostenibilità, secondo l’uso di materiali naturali e l’ottimizzazione delle funzioni di riscaldamento e climatizzazione, realizzate secondo standard di abbattimento degli sprechi. Per un turismo a impatto zero. di Antonella Finucci
CONDIVIDI
Segui Leonardo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv