Techtile basic: il tetto che diventa sistema attivo
Eco-factor: Solare termico e fotovoltaico
Caldaia Vitoligno 300-P: la nuova generazione delle caldaie a pellet

Sicurezza d'esercizio, rendimento energetico al top della categoria ed elevata autonomia: sono solo tre tra le numerose caratteristiche che rendono la nuova caldaia a pellet Vitoligno 300-P di Viessmann ai vertici dei generatori a biomassa.
L'ampia gamma di potenzialità da 4 a 48 kW permette di soddisfare anche il fabbisogno termico di elevate dimensioni. La caldaia, completamente automatica, raggiunge un grado di rendimento pari al 95% con emissioni estremamente ridotte grazie a particolari peculiarità tecniche: tra le altre, l'adattamento automatico delle superfici di scambio termico a tre giri di fumo a seconda del fabbisogno di calore (principio Variopass brevettato da Viessmann), l'accensione automatica a basso consumo energetico, la pulizia automatica delle superfici di scambio e della camera di combustione tramite griglia a lamelle girevole, che elimina i residui della combustione.
La sicurezza d'esercizio è garantita inoltre dal sistema di carico a valvola stellare, il quale garantisce un dosaggio esatto del combustibile evitando possibili ritorni di fiamma.
La caldaia è gestita dalla rinomata regolazione Vitotronic, che consente la diagnosi continua di tutto il sistema, la gestione di due circuiti di riscaldamento miscelati o un circuito di riscaldamento miscelato con impianto solare, oppure con bollitori combinati.
Vitoligno 300-P è disponibile in due versioni: a caricamento automatico ( tramite coclea flessibile o sistema di aspirazione) nel campo di potenzialità da 4 a 48 kW e a caricamento manuale per le potenzialità fino 4 a 24 kW. Quest'ultima versione, particolarmente adatta nel caso in cui gli spazi disponibili siano ridotti e non rendano possibile l'installazione di un serbatoio per il combustibile; il comfort è assicurato dall'elevato contenuto di pellet nel serbatoio compatto (oltre 180 kg di capacità) .
L'ampia gamma di complementi di sistema Viessmann (accumuli termici, collettori solari) permette l'impiego della caldaia in qualsiasi tipologia costruttiva, rendendola ideale per le nuove costruzioni e nei casi di ammodernamento degli impianti.

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

La casa Bio

L’Italia ha vinto, quest’anno, l’European Solar Decathlon con il progetto RHome. Che cos'è l'European Solar Decathlon La gara, nata nel 1999 negli Stati Uniti e promossa dal Dipartimento di Energia del Governo USA, nel 2010 si trasferisce anche in Europa e nel 2014 il concorso si è svolto in Francia, a Versailles. Venti selezionati team universitari, provenienti da tutto il mondo, si sono confrontati in una sorta di “Olimpiade dell’Architettura sostenibile”, con l’obiettivo di progettare, costruire e simulare una vera vita domestica in un edificio residenziale ad alta efficienza energetica, alimentato con la sola energia solare. Ogni eco-casa (in totale sono 16, una per ogni Paese partecipante) è stata sottoposta a dieci prove che, tramite monitoraggio e valutazioni di giurie internazionali, ne hanno svelato caratteristiche e prestazioni tecniche. [caption id="attachment_28621" align="alignnone" width="800"] da www.rhomefordencity. it; Photo by Lorenzo Procaccini[/caption] Dopo la prima partecipazione italiana al Solar Decathlon 2012 nell’edizione di Madrid, con la casa “MED in Italy”, nel 2014 il gruppo di ricercatori, studenti e docenti dell’Università degli Studi Roma TRE e del Politecnico di Milano, con la proposta RHome, ha vinto la competizione. Il progetto RHome Il progetto verte su cinque temi: Rigenerazione Relazione Rapidità Riduzione Riuso La rigenerazione urbana passa attraverso la densificazione degli edifici, con il conseguente aumento del suolo da convertire ad uso pubblico e a mobilità ridotta, che crea nuove opportunità di relazione tra persone e permette di ritrovare un’identità locale. Tutto ciò può avvenire in tempi rapidi, con soluzioni costruttive innovative e dinamiche, che consistono nella industrializzazione dei componenti dell’edificio (in legno), con tempi e costi chiari, e una più veloce manutenzione dell’edificio. L’impatto ambientale dell’edificio diminuisce considerevolmente se si considera ogni intervento in un’ottica di efficienza energetica e di fattibilità di progetto. Si tratta di integrazione smart tra differenti elementi che lavorano in un unico organismo. Oltre al risparmio energetico e all’uso delle risorse rinnovabili di energia, un intervento sostenibile prevede oggi una giusta scelta dei materiali, il riciclo delle acque e la riconfigurazione dei componenti. Forse è stata proprio questa la filosofia che ha permesso al team italiano di vincere. La struttura di RHome La struttura dell’edificio è concepita in modo da consentire la massima flessibilità e, in particolare, la possibilità di modificare e far crescere l’alloggio a seconda delle esigenze familiari. L’ innovazione in questo senso è quella di pensare alla futura trasformazione già in fase di  progettazione, anticipando diverse possibili configurazioni. Il prototipo presentato a Versailles è un appartamento di 60 mq che rappresenta l’ultimo piano del nuovo complesso urbano RHome. In questa casa, dove si nota di più l’integrazione con l’ambiente urbano, sono presenti caratteristiche architettoniche e innovazioni tecnologiche che non compaiono in un piano tipo o nel piano terra. Lo spazio è articolato intorno al nucleo 3d, centro strutturale della casa ed elemento gerarchizzante e caratterizzante dello spazio, definendone le varie aree: la cucina , il soggiorno e la camera da letto. Le finestre sono protette da logge la cui presenza, nei due angoli  opposti, assicura uno schema originale e versatile. Il prototipo di Versailles è solo una delle possibili configurazioni del progetto RHome. Entrando nel particolare della competizione, le due aree principali della casa relative alla vita pubblica (soggiorno) e alla vita intima (camera da letto) hanno un contatto diretto con il mondo esterno. In questo modo ognuno di questi spazi riceve il tipo di luce naturale più adatto alla propria funzione. Una grande attenzione è stata posta anche sulla scelta dei materiali e sulle tecnologie in grado di ridurre il più possibile i consumi. Utilizzando uno stile innovativo e metodi di costruzione avanzati, RHome si concentra su nuovi concetti di sostenibilità ambientale per ottimizzare le risorse climatiche e i materiali locali. Uno dei principali problemi tipici del clima di Roma è rappresentato dal caldo estivo, cui ovviare con una serie di strategie passive come, ad esempio, la morfologia strategica della casa (cioè la corretta distribuzione degli spazi interni); la progettazione dell’involucro edilizio (esposizione delle superfici vetrate, isolamento termico, forma dell’edificio); l’ombreggiamento estivo attraverso le logge; l’inerzia termica garantita da masse naturali; la ventilazione naturale ottenuta da aperture strategiche che innescano una ventilazione incrociata. Altro elemento innovativo di attenzione all’ambiente è la possibilità di dosare l’ingresso della luce naturale utilizzando schermi ombreggianti fotovoltaici. di Daniele Giorgi
CONDIVIDI

La casa Bio

Fluidi e senza spigoli, caldi e accoglienti, gli ambienti di Suite 22, un interessante progetto di Soligno, marchio affiliato al Gruppo Rubner, rivolto al settore alberghiero per l’abitare sostenibile. Una suite di 60 mq come prototipo di una nuova concezione di ospitalità: l’intera suite è infatti costruita all’insegna dell’artigianalità e della sostenibilità, secondo l’uso di materiali naturali e l’ottimizzazione delle funzioni di riscaldamento e climatizzazione, realizzate secondo standard di abbattimento degli sprechi. Per un turismo a impatto zero. di Antonella Finucci
CONDIVIDI

La casa Bio

Logica in legno: volumi nati da un quadrato e un triangolo sovrapposti e una struttura in tronchi di cedro canadese per questa Log house davvero unica. GUARDA LA PHOTOGALLERY CON LE IMMAGINI DELLA CASA In questo intervento le scelte della committenza e dell’architetto sono state inevitabilmente conseguenza dello splendido contesto in cui è inserita la villa: un grande parco di 3000  metri quadri sulle colline torinesi. Partendo dalla richiesta dei proprietari di avere un rapporto con la natura più diretto, più intimo e sostanzialmente più rispettoso, è stata demolita la vecchia costruzione e si è dato avvio ad un progetto di chiara ispirazione nordica: la Log House, o casa logica, risultato di criteri costruttivi economici, ecologici e biologici. La “Casa di Tronchi”, perché di questo si parla, presenta un involucro architettonico totalmente realizzato in tronchi prelavorati, trattati e poi installati uno sull’altro. E’ una tipologia che trova le sue radici nel nord Europa e in tutti quei paesi in cui si ha un’elevata disponibilità di legname, rendendo paesi come il Giappone, il Canada, la Russia e gli Stati Uniti tra i più grandi costruttori di Log House. Si tratta di un sistema semplice e antico che, grazie anche alle moderne innovazioni tecnologiche e metodologiche, è solido, sicuro e conveniente, sia in termini di biocompatibilità che in termini di risparmio energetico.   L’architetto Luigi Alberico così racconta la decisione di adottare questa particolare architettura: ”Il tema che ho seguito è quello della tradizione. La casa nella sua forma più semplice, come la disegnano i bambini, formata da due figure elementari, come il quadrato ed il triangolo, sovrapposti; e poi anche il legno, utilizzato come materiale primario, è  elementare, essenziale; è quello con cui hanno giocato gli architetti della mia generazione sin da bambini.” Tecnicamente parlando, il progetto base è stato ingegnerizzato proprio in America da Lindal Cedar Homes, marchio internazionale per la costruzione di case in cedro, applicando la tecnologia che utilizza il legno sia per le strutture statiche che per le opere di finitura, compresa la copertura del tetto, pure realizzata con scandole in legno, garantite addirittura cento anni e praticamente eterne. Gli interni della Log House In un gioco di incroci tra piani orizzontali e piani verticali, di trasparenze e di pareti colorate, spiccano arredi e complementi di grande carattere, scelti con cura, come il divano a forma di bocca, omaggio a Dalì del 1970 di Gufram, alcune opere dell’artista Marco Lodola su plexiglass e il tavolo/scultura del designer Piero Gilardi, sempre per Gufram. Entrando in cucina, si ha la sensazione di trovarsi in un laboratorio, molto tecnico e con arredi total white, calato in un contesto interamente rivestito in legno. Su tutta una parete, una grande vetrata si apre sul parco, punto panoramico del lungo piano snack su cui mangiare in modo informale. Salendo al piano superiore, l’ambiente diventa più intimo, con la suite padronale formata dalla camera da letto, il locale guardaroba e il bagno. Se nel periodo estivo gli spazi  disposizione si aprono suo interno, infatti, oltre alla stanza riservata agli ospiti, è stata installata una vasca idromassaggio a scomparsa, una sauna e una zona fitness…Un vero e proprio centro benessere per rilassarsi nei mesi più freddi.   di Azzurra Lorenzetto foto di Lorenzo Carone progetto: Architetti Alberico & Giachetti
CONDIVIDI
Segui Leonardo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv