Techtile basic: il tetto che diventa sistema attivo
Eco-factor: Solare termico e fotovoltaico
Caldaia Vitoligno 300-P: la nuova generazione delle caldaie a pellet

Sicurezza d'esercizio, rendimento energetico al top della categoria ed elevata autonomia: sono solo tre tra le numerose caratteristiche che rendono la nuova caldaia a pellet Vitoligno 300-P di Viessmann ai vertici dei generatori a biomassa.
L'ampia gamma di potenzialità da 4 a 48 kW permette di soddisfare anche il fabbisogno termico di elevate dimensioni. La caldaia, completamente automatica, raggiunge un grado di rendimento pari al 95% con emissioni estremamente ridotte grazie a particolari peculiarità tecniche: tra le altre, l'adattamento automatico delle superfici di scambio termico a tre giri di fumo a seconda del fabbisogno di calore (principio Variopass brevettato da Viessmann), l'accensione automatica a basso consumo energetico, la pulizia automatica delle superfici di scambio e della camera di combustione tramite griglia a lamelle girevole, che elimina i residui della combustione.
La sicurezza d'esercizio è garantita inoltre dal sistema di carico a valvola stellare, il quale garantisce un dosaggio esatto del combustibile evitando possibili ritorni di fiamma.
La caldaia è gestita dalla rinomata regolazione Vitotronic, che consente la diagnosi continua di tutto il sistema, la gestione di due circuiti di riscaldamento miscelati o un circuito di riscaldamento miscelato con impianto solare, oppure con bollitori combinati.
Vitoligno 300-P è disponibile in due versioni: a caricamento automatico ( tramite coclea flessibile o sistema di aspirazione) nel campo di potenzialità da 4 a 48 kW e a caricamento manuale per le potenzialità fino 4 a 24 kW. Quest'ultima versione, particolarmente adatta nel caso in cui gli spazi disponibili siano ridotti e non rendano possibile l'installazione di un serbatoio per il combustibile; il comfort è assicurato dall'elevato contenuto di pellet nel serbatoio compatto (oltre 180 kg di capacità) .
L'ampia gamma di complementi di sistema Viessmann (accumuli termici, collettori solari) permette l'impiego della caldaia in qualsiasi tipologia costruttiva, rendendola ideale per le nuove costruzioni e nei casi di ammodernamento degli impianti.

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

La casa Bio

Logica in legno: volumi nati da un quadrato e un triangolo sovrapposti e una struttura in tronchi di cedro canadese per questa Log house davvero unica. GUARDA LA PHOTOGALLERY CON LE IMMAGINI DELLA CASA In questo intervento le scelte della committenza e dell’architetto sono state inevitabilmente conseguenza dello splendido contesto in cui è inserita la villa: un grande parco di 3000  metri quadri sulle colline torinesi. Partendo dalla richiesta dei proprietari di avere un rapporto con la natura più diretto, più intimo e sostanzialmente più rispettoso, è stata demolita la vecchia costruzione e si è dato avvio ad un progetto di chiara ispirazione nordica: la Log House, o casa logica, risultato di criteri costruttivi economici, ecologici e biologici. La “Casa di Tronchi”, perché di questo si parla, presenta un involucro architettonico totalmente realizzato in tronchi prelavorati, trattati e poi installati uno sull’altro. E’ una tipologia che trova le sue radici nel nord Europa e in tutti quei paesi in cui si ha un’elevata disponibilità di legname, rendendo paesi come il Giappone, il Canada, la Russia e gli Stati Uniti tra i più grandi costruttori di Log House. Si tratta di un sistema semplice e antico che, grazie anche alle moderne innovazioni tecnologiche e metodologiche, è solido, sicuro e conveniente, sia in termini di biocompatibilità che in termini di risparmio energetico.   L’architetto Luigi Alberico così racconta la decisione di adottare questa particolare architettura: ”Il tema che ho seguito è quello della tradizione. La casa nella sua forma più semplice, come la disegnano i bambini, formata da due figure elementari, come il quadrato ed il triangolo, sovrapposti; e poi anche il legno, utilizzato come materiale primario, è  elementare, essenziale; è quello con cui hanno giocato gli architetti della mia generazione sin da bambini.” Tecnicamente parlando, il progetto base è stato ingegnerizzato proprio in America da Lindal Cedar Homes, marchio internazionale per la costruzione di case in cedro, applicando la tecnologia che utilizza il legno sia per le strutture statiche che per le opere di finitura, compresa la copertura del tetto, pure realizzata con scandole in legno, garantite addirittura cento anni e praticamente eterne. Gli interni della Log House In un gioco di incroci tra piani orizzontali e piani verticali, di trasparenze e di pareti colorate, spiccano arredi e complementi di grande carattere, scelti con cura, come il divano a forma di bocca, omaggio a Dalì del 1970 di Gufram, alcune opere dell’artista Marco Lodola su plexiglass e il tavolo/scultura del designer Piero Gilardi, sempre per Gufram. Entrando in cucina, si ha la sensazione di trovarsi in un laboratorio, molto tecnico e con arredi total white, calato in un contesto interamente rivestito in legno. Su tutta una parete, una grande vetrata si apre sul parco, punto panoramico del lungo piano snack su cui mangiare in modo informale. Salendo al piano superiore, l’ambiente diventa più intimo, con la suite padronale formata dalla camera da letto, il locale guardaroba e il bagno. Se nel periodo estivo gli spazi  disposizione si aprono suo interno, infatti, oltre alla stanza riservata agli ospiti, è stata installata una vasca idromassaggio a scomparsa, una sauna e una zona fitness…Un vero e proprio centro benessere per rilassarsi nei mesi più freddi.   di Azzurra Lorenzetto foto di Lorenzo Carone progetto: Architetti Alberico & Giachetti
CONDIVIDI

Case e Arredamento

Il design d’avant-garde mette l’ambiente al primo posto. Ecco una carrellata di tanti oggetti design originali e prodotti con materiali bio. Design bio: l'energia dal sole Un caricabatterie che gira verso la luce come un girasole e si ricarica attraverso il pannello fotovoltaico. Dimensioni: h 23x10x10 cm. Batteria interna al litio (www.maiuguali.it) Madre Terra ORTO brick è un mattone di terra argillosa che contiene semi di piante erbacee. Se coltivato, si trasforma in un micro-orto ma può essere anche semplice oggetto d’arredo che rimanda alla terra e alla natura. Design: Tommaso Mancini (www.tommasomancini.com) Design e bio edilizia Muro Stampato, di Ideal Work, è il rivestimento decorativo dal cuore bio, per superfici interne ed esterne: effetto pietra, stile mattone antico o tufo e simil-legno, per soluzioni d’interior originali e innovative. Muro Stampato è realizzato prevalentemente con intonaco Ideal Wall Eco, un materiale  al 98% ecologico, ecocompatibile e in grado di soddisfare i requisiti della bio-edilizia (www.idealwork.it) Lo scarto produttivo Favini Crush, l’innovativa gamma di carte ecologiche destinata al packaging o agli utilizzi creativi, è stata selezionata nell’ambito dell’ADI Design Index 2013. Realizzata con i residui della lavorazione di agrumi, kiwi, mais, caffè, olive, nocciole e mandorle, la carta contiene fino al 15% in   meno di cellulosa, è OGM free, certificata FSC ed impiega il 100% di energia verde autoprodotta (www.favini.com) Le pitture ecologiche Nessuna sostanza nociva all’interno della composizione delle vernici ecologiche Noukie’s, disponibili in nove raffinati colori. Tutti gli ingredienti, barattolo incluso, sono riciclabili (www.noukies.com) Il legno è fashion Legno e colore. Questo l’irresistibile binomio sfruttato da Valerio Cometti per FEB31st: lavorando sulla sequenza degli strati lignei, sui colori a contrasto e sulle forme insolite, il designer propone occhiali da sole che mettono d’accordo estetica ed etica. In foto, il modello Alcyone (www.feb31st.it) Sogni d'oro Nuovi colori e nuovi prodotti, tutti rigorosamente 100% made in Italy e realizzati in bamboo organico, per Bamboom. In foto, La Ninna, copertina bifacciale nelle due nuove tonalità del lampone e dell’azzurro jeans. Dimensioni: 75x100 cm (www.bamboom.it) La borsa in una tela speciale Brezza Marina è una delle nuove proposte della linea Vespucci, realizzate con la tela originale delle vele dell’Amerigo Vespucci (www.leborsedellarosadeiventi.it) La pausa bio LøvOrganic propone per questo Natale due tè bianchi biologici, rari e delicati, in scatole metalliche di design, nelle nuove miscele di cocco e mirtillo oppure pesca e ribes nero. Fragranze corpose e ricercate per una pausa delle cinque dal gusto eco-chic (www.lov-organic.com) di Antonella Finucci
CONDIVIDI

La casa Bio

Chi ha detto che una casa che rispetta l’ambiente è più cara di una realizzata con le tecniche tradizionali? Materiali ecocompatibili, soluzioni per il contenimento del costo energetico dell’edificio (isolamento in inverno e protezione dal sole in estate) e per lo sfruttamento delle risorse rinnovabili (sole, vento, acqua, terra) diventano economicamente sempre più convenienti per via dell’aumento del costo dell’energia derivante da fonte non rinnovabile (carbone, petrolio e gas). Allo stesso tempo, il loro prezzo si abbassa con il passare del tempo, grazie all’ammortamento dei costi di sperimentazione e ricerca, come avviene per tutti i prodotti innovativi. Tuttavia,  progettazione mirata all’ottimizzazione del rapporto costo/qualità e metodi di produzione dell’edificio rapidi ed efficienti hanno portato, negli ultimi dieci anni, a risultati stupefacenti dal punto di vista del prezzo, della qualità estetica e della sostenibilità ambientale. Sono le case prefabbricate a risparmio energetico e le più famose sono firmate da architetti, ingegneri e designer di grido; veri e propri must have! PATH di Philippe Starck PATH, acronimo di Prefabricated Accessible Technological Homes, nasce dalla collaborazione tra Philippe Starck e Riko, azienda di costruzioni in legno. L’idea è di assicurare una casa-base di design ad un prezzo di partenza accessibile a tutti di 2500 euro al metro quadro. Una casa-base da ampliare ed arricchire con optional, dalla piscina ai sistemi per l’utilizzo di fonti rinnovabili di energia. 100k di Mario Cucinella 100mq a 100 mila euro è l’idea dell’architetto Mario Cucinella in collaborazione con Italcementi Group. Il progetto è a basso costo, a misura di desiderio e a basso impatto per conciliare l’aspetto economico, quello sociale e quello energetico. Il risultato è una casa plurifamiliare viva, colorata, che lascia spazio alle differenti identità e modalità di vivere, e che è capace di produrre energia utilizzando ogni strategia passiva e attiva di sfruttamento delle risorse rinnovabili di energia. In virtù del basso costo iniziale e della sua efficienza energetica, la casa è acquistabile con un mutuo che può essere coperto in buona misura attraverso l’energia che essa stessa produce, senza immettere anidride carbonica nell’ambiente. Diogene di Renzo Piano Si chiama Diogene e costa circa 20mila euro, la casa progettata da Renzo Piano con cucina, camera da letto, doccia, un sistema di raccolta dell’acqua e pannello solare. Il nome viene dall’omonimo filosofo greco che viveva in una botte e rifiutava la ricchezza. Con una superficie di 2,5x3 m, il prototipo ha la classica forma della “casetta”. La struttura è in legno di cedro, a vista all’interno e rivestito con alluminio all’esterno. Non solo la struttura in legno ne garantisce il perfetto isolamento termico ma Diogene è completamente autonomo energeticamente e indipendente dalle infrastrutture locali grazie a celle e moduli fotovoltaici, un serbatoio di acqua piovana, un gabinetto biologico, ventilazione naturale, vetri tripli. All’interno la cabina offre più o meno tutto ciò di cui si può aver bisogno: un divano letto, una scrivania, un box cucina, una doccia ed un WC, costruiti con materiali ecosostenibili. More with Less di Aldo Cibic More with Less, progetto del 2009 di Cibic&Partners (Aldo Cibic e Tommaso Corà) con Dogtrot, è un modulo abitativo di partenza di 4x4 m che consente di creare composizioni di elementi standardizzati, scelti da un abaco secondo criteri estetici e dei materiali. L’abaco permette di personalizzare la facciata (verde, in legno, intonaco o metallo) e la copertura (piana, a due falde, calpestabile, verde, a pannelli fotovoltaici. All’esterno il modulo può essere completato con deck, verande, fioriere e divisori, inserendosi attivamente nel paesaggio, parte integrante del progetto. GUARDA LA FOTO GALLERY CON TUTTE LE CASE PREFABBRICATE di Daniele Giorgi
CONDIVIDI
Segui Leonardo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv