alice lifestyle leonardo marcopolo

La finestra contribuisce in modo significativo al contenimento dei costi di gestione, al benessere abitativo, al disegno della facciata. Come scegliere la finestra che meglio assicura queste prestazioni?
La finestra ha un grande ruolo nel contenimento dei costi di gestione di un edificio, sia per quanto riguarda il riscaldamento che per il raffrescamento degli ambienti. Ha anche un importante influsso sul benessere abitativo che ne consegue così come sul disegno della facciata di un edificio.
Per il consumatore non è però facile riconoscere esattamente queste caratteristiche.
In un contesto di qualificazione delle costruzioni edilizie si deve porre molta cura nella scelta del serramento utilizzando solo infissi che sia in grado di ridurre gli sprechi energetici e che abbiano ottime caratteristiche di impermeabilità all’acqua e di sicurezza in uso.

 

La qualità trasparente

Le prestazioni devono essere verificabili tramite prove da eseguire presso Laboratori Notificati i quali, seguendo delle norme specifiche, possono fare dei test prestazionali.
E’ importante che i test siano eseguiti su serramenti di corrette dimensioni (123 cm x 148 cm; due ante), che i serramenti testati siano simili a quelli che vengono prodotti di serie e che siano posati in modo corretto. E’ inoltre necessario che i test siano corredati da una documentazione specificatamente predisposta per il consumatore finale, che lo metta in condizione di utilizzare il manufatto nel modo migliore, provvedendo quando necessario alla sua manutenzione.
Tutti questi argomenti sono correttamente sviluppati nell’ambito del processo di marcatura CE: esso dovrebbe indurre il serramentista a sviluppare in modo completo e standardizzato il proprio prodotto rendendo leggibili le prestazioni in modo che il consumatore possa scegliere la finestra giusta per le sue esigenze.
Nella realtà questo accade raramente!
I costruttori di finestre, anziché testare il serramento, usano talvolta le prove condotte da altri soggetti applicandole al proprio prodotto con una procedura denominata “Cascading”. Spesso non mettono in pratica il controllo del processo di fabbricazione che garantirebbe uno standard al prodotto e la posa in opera è quasi sempre trascurata. Anche la documentazione di accompagnamento è frequentemente insufficiente.

 

Un aiuto per i consumatori

Il linguaggio tecnico con cui le prestazioni vengono espresse è spesso incomprensibile per il consumatore finale che quindi non è in grado di scegliere.
C’è quindi un forte rischio che, pur in presenza dell’obbligo di marcatura CE, la speculazione economica porti ad una riduzione delle prestazioni del serramento piuttosto che portare a quel miglioramento che è ormai indispensabile per qualificare le abitazioni e renderle più adatte alla necessità di risparmiare energia, di ridurre le emissioni, di migliorare il benessere all’interno della casa e di contenere i costi di gestione.
Per questa ragione l’Agenzia CasaClima, dopo aver maturato una significativa e riconosciuta esperienza nella certificazione di costruzioni a basso consumo energetico, ha deciso di assumere il ruolo di intermediario tra il produttore ed il consumatore, mettendo a punto, con l’aiuto dei massimi esperti, un Regolamento per la certificazione della qualità globale della finestra e la concessione di un marchio di qualità denominato “Finestra Qualità CasaClima”.
L’obiettivo è quello di rendere riconoscibile al consumatore, tramite l’applicazione di questo marchio volontario, il fatto che siano state rispettate tutte le caratteristiche che si ritengono fondamentali al fine di avere una reale qualità, non solo sul manufatto, ma sul manufatto posato. Tali prestazioni devono essere mantenute nel tempo e quindi il marchio “Finestra Qualità CasaClima” garantisce una durata incondizionata per 4 anni senza manutenzione (il doppio rispetto al limite minimo di legge). Tramite la predisposizione di un manuale di istruzioni sull’uso e sulla manutenzione, da consegnare al consumatore finale, si potranno poi mantenere le prestazioni anche per periodi molto più lunghi senza difficoltà.

Per ricevere il marchio “Finestra Qualità CasaClima” il serramentista dovrà adempiere alle seguenti prescrizioni:
• dimostrare tramite l’esecuzione di prove o calcoli da parte di laboratori notificati il rispetto di alcune prestazioni minime che l’Agenzia CasaClima ritiene indispensabili al fine del contenimento energetico e della sicurezza in uso (p.es. termica, aria, acqua, vento);
• presentare al controllo tutta la documentazione che deve necessariamente accompagnare il serramento;
• curare la formazione culturale e professionale degli addetti tramite la frequenza a corsi specificatamente predisposti (p.es. Corso Qualità CasaClima: posa del serramento);
• offrire una garanzia per quattro anni sulla durata del manufatto redatta in modo trasparente a favore del consumatore.
Su questi quattro pilastri si basa la certificazione di “Finestra Qualità CasaClima”.
Nella redazione del Regolamento si tiene conto delle Norme e delle leggi che governano il settore, imponendone la corretta applicazione, e si inseriscono tutti quei requisiti di qualità che si ritengono indispensabili per qualificare il serramento nell’ambito di una moderna costruzione a basso consumo energetico.

 

La qualità richiede controllo

Il ruolo dell’Agenzia CasaClima è quello di verificare prima, e certificare successivamente, il rispetto da parte del serramentista di quanto riportato nel Regolamento prima di concedere l’applicazione del marchio.
Nel contesto della finestra l’unico obiettivo dell’Agenzia CasaClima è quello di aiutare il consumatore o il committente a riconoscere in modo semplice e chiaro il serramento che ha buone caratteristiche di risparmio energetico, di sicurezza in uso e di durabilità garantita, prodotto ed installato da aziende di cui è stata verificata anche l’istruzione professionale. Per il momento il marchio può essere applicato solo alle finestre. Successivamente sarà creato un nuovo disciplinare per renderlo applicabile anche alle porte finestre, alle finestre per tetti, ai portoncini d’entrata ecc.

 

Nessun contenuto correlato.

Share This