Come arredare un loft
Come arredare una cucina piccola – Il pavimento da scegliere
Arredare un monolocale: i 10 consigli per ottimizzare gli spazi con stile

Come arredare un monolocale? Anche se una casa è di modeste dimesioni non significa che non possa essere arredata con stile, anzi è proprio in un monolocale che si può esprimere ancora di più uno stile. Un monolocale va considerato come uno scrigno prezioso ed ecco allora alcuni "trucchi del mestiere" per far sì che gli spazi vengano tutti sfruttati al meglio e che l'abiente appaia più ampio di quanto non sia in realtà.

Innanzitutto, cominciate a pensare al vostro monolocale come alla camera o alla "junior suite" di un grande albergo e ricordatevi sempre che non esistono piccoli spazi, ma soltanto piccole idee.
E poi ecco per voi i nostri10 consigli utili:

Come arredare un monolocale

  1. Puntare sulle tende : le tende aggiungono un tocco di teatralità e creano una sensazione confortevole. Fissatele dal pavimento al soffitto per creare altezza. Si può anche utilizzare una cornice per nascondere la bacchetta sulla quale scorre la tenda
  2. Trasperenze: tavoli e sedie in policarbonato e i piani di vetro in genere danno l'impressione di apertura.
  3. L'illuminazione del monolocale: aggiungere luce dall'alto, dal basso e intorno, serve a creare attenzione e sensazione di spazio in un particolare punto della casa. Sono il modo più sorprendente di far sentire una casa calda e accogliente. L'utilizzo di diverse lampade in tutto uno spazio crea una calda luce nell'ambiente. Una cosa importante è ricordarsi di installare un dimmer, o varialuce, per controllare la potenza delle luci stesse, e creare effetti di luce. Abbassare le luci e concentrarle in un punto, dà l'illusione di ampliamento dello spazio.
  4. Rispettare le proporzioni: uno spazio piccolo ha bisogno di elementi di arredo altrettanto piccoli. E' tutta una questione di scale e proporzioni. I monolocali sembrano più grandi se i mobili al suo interno sono quelli in cui gli arredi sono commisurati agli spazi.
  5. Un po' di curve: poiché la maggior parte dei monolocali hanno una forma squadrata, è divertente aggiungere un po' di curve. Ad esempio, si possono aggiungere tavoli rotondi, sedie e tappeti curvati o decorati.
  6. Arredare con tappeti: un tappeto leggero può aprire la tua stanza e farla apparire più grande. Se il vostro appartamento è arredato nei toni scuri, illuminate gli spazi con un tappeto in una tonalità più chiara.
  7. Priorità:  anche i monolocali  hanno alcuni limiti, è necessario dunque capire le priorità e arredare di conseguenza. Alcune persone hanno bisogno di un'area studio, ma non una zona pranzo. Altre persone vogliono una zona soggiorno e preferiscono un letto a scomparsa. Il suggerimento è quindi quello di arredare in funzione delle proprie esigenze e non pensare a ciò dovrebbe essere in una casa classica.
  8. Arredare a strati: contrariamente a quanto si potrebbe pensare, i monolocali devono essere arredati anche con i tessuti.  Mix di colori, stampe e cuscini donano un aspetto più arioso.
  9. Mensole e scaffali: una soluzione salvaspazio è l'utilizzo di scaffali ovunque vi sia spazio. Una scaffalatura è perfetta per riporre libri e oggetti di vario genere, e danno un aspetto elegante e contemporaneo.
  10. Ponderare bene le scelte: non fate scelte istintive quando scegliete l'arredamento per un monolocale, valutate bene spazi e ciò che veramente vi occorre. Domiteci su insomma !

 

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Come arredare casa

Decidere e montare le tende alle finestre è il momento per definire l'aspetto e l'atmosfera di una stanza. Ogni tipo di finestra ha la sua tenda ideale e non è solo il tessuto da considerare ma anche la piega  e la lunghezza della tenda. [caption id="attachment_21456" align="alignnone" width="622"] Tende per interni Christian Fischbacher[/caption] Tendaggi o tende per interni ? I termini tende e tendaggi sono spesso usati come sinonimi, ma in realtà c'è una differenza e sta nell'effetto e nell'utilizzo che desideriamo dalle tende per le finestre. I tendaggi sono generalmente realizzati con tessuti più pesanti e sono montati per bloccare la luce durante il giorno e tenere il calore durante i mesi più freddi. I tendaggi di solito sono montati dal pavimento al soffitto. I drappeggi realizzati con i tendaggi, che hanno uno stile più formale, sono  generalmente più costosi a causa della fodera e tessuto in più necessari per fare la piega. Le tende invece, tendono ad essere meno formali, i tessuti sono più leggeri e generalmente le tende sono meno costose dei tendaggi perchè richiedono meno tessuto. Come scegliere le tende per interni Quando si sceglie una tenda, è importante pensare allo stile della stanza e dell'arredamento e non c'è da scegliere solo il tessuto per la tenda ma anche il tipo di drappeggio. Questi sono i più comuni. [caption id="attachment_21459" align="alignnone" width="622"] Pieghe e drappeggi per le tende[/caption] photo credit www.ehow.com I primi quattro drappeggi, da quelli alla francese a quello europeo, sono più  adatti ad ambienti formali mentre gli ultimi tre sono più adatti ad ambienti moderni. Tende per interni: la scelta della lunghezza Se si desidera avere un look più casual e rilassato, appendere le tende in modo che il pannello si bloccchi a circa 1/2 metro dal pavimento. Per un look più formale, la tenda dovrebbe essere lunga fino a sfiorare il pavimento o si può creare l'effetto "pozzanghera" con il tessuto più lungo sul pavimento. Tende per interni: come montarle Montare le tende può sembrare un'operazione abbastanza semplice, ma in realtà ci sono alcune regole molto semplici da seguire che renderanno la vostra stanza più alta e più profonda. [caption id="attachment_21461" align="alignnone" width="622"] Come montare le tende alle finestre: il primo esempio è quello corretto, mentre nel secondo le tende tendono a non dare altezza e profondità alla stanza[/caption] photo credit www.ehow.com Bisogna sempre montare le tende sopra la cornice della finestra mentre generalmente si ha la tendenza a posizionare l'asta della tenda direttamente sopra il telaio della finestra. Come punto di riferimento utilizzate la cornice del soffitto: l'asta della tenda deve essere posizionata poco sotto. Questo attira lo sguardo verso l'alto, allungando lo spazio e facendolo apparire più alto. Se siete alla ricerca di un look più casual, quando si misura la lunghezza della tenda, assicuratevi di tenere conto del tessuto in più necessario ad avere le tende che sfiorano appena il pavimento con l'asta montata appena sotto la cornice del soffitto. Le tende a pannello [caption id="attachment_18150" align="alignnone" width="622"] Tende a pannello di Resstende con il sistema automatico "QMotion"[/caption] Le tende per interni a pannello Le tende a pannello sono la scelta ideale per chi vuole dare un look moderno alla casa. In total white, oscuranti o con fantasie, le tende a pannello sono una scelta funzionale e molto originale. Leggi anche: Tessuti d'arredo per la primavera/estate 2014 Come pulire vetri e finestre  
CONDIVIDI

Come arredare casa

L'enigma della scarpiera. Non importa quanto sia grande la vostra casa o il vostro armadio, perchè lo spazio per le scarpe non basta mai  e non è nemmeno facilissimo ricarvarlo. In una casa spesso pensiamo a tutti i dettagli e capita che ci si dimentichi della scarpiera. A volte si pensa di sistemare la scarpiera nello spazio esterno ma a meno che non si realizzino dei mobili su misura e adatti a non far entrare l'umidità, non è proprio il massimo sistemare le scarpe all'esterno e forse sarebbero poche le donne disposte a non avere "a portata di mano" le amate scarpe.  Si può sistemare una scarpiera anche in casa senza occupare troppo spazio. Ecco qualche idea fai da te per suggerirvi come organizzare al meglio la scarpiera. La scarpiera classica Per chi ha la fortuna di avere una piccola cabina armadio, ecco il modo più pratico per sistemare le scarpe, realizzando una scarpiera a mensole su cui avere a vista tutte le scarpe. Si può utilizzare lo stesso sistema anche per la realizzazione di un "armadio-scarpiera" con le ante battenti magari a specchio. L'armadio scarpiera di Ikea Ecco un'idea salvaspazio firmata Ikea. L'armadio scarpiera che consente di contenere tante scarpe e può essere posizionato in qualsiasi ambiente. La composizione proposta prevede in alto dei contenitori per le sneakers, al centro le scarpe femminili e in basso le forme per le scarpe maschili. Una soluzione perfetta per contenere le scarpe di tutta la famiglia. Grazie alla possibilità di composizione dei mobili Ikea, se trovate questa idea troppo costosa, potete comunque scegliere un armadio diverso, più basico, l'importante è la composizione interna della scarpiera. Se poi volete giocare di originalità, ecco un'altra idea scarpiera Ikea: parete colorata, scarpe e scatole a vista, una vera e propria composizione design. Il mobile scarpiera È il classico mobile scarpiera che tutti conosciamo e in foto è una proposta scarpiera Mondoconvenienza. Questo tipo di mobile è elegante esteticamente, non è ingombrante ma contiene poche scarpe e prima di sceglierlo verificate bene l'altezza dei tacchi perchè a volte con tacchi superiori ai 10 centimetri non si riesce a chiudere lo sportello. La scarpiera appesa Invece di disporre tutte le scarpe a terra, ecco delle idee originali per disporre le scarpe a parete. Si salva un sacco di spazio, e tutto ciò che serve è a portata di mano. Tra le idee originali la "scala scarpiera" magari da utilizzare solo per le scarpe più belle o che si mettono più di frequente.  La scarpiera creativa Per tutti gli amanti del fai da te o per chi ama sperimentare, ecco delle originali scarpiere in legno realizzate con le cassette della frutta. Basta dipingere le cassette di un colore a vostra scelta e sospenderle a parete. Sicuramente tra le scarpiere più originali. Dunque dopo aver sistemato l'armadio, dopo aver scelto la scarpiera, non vi resta che inaugurarla con un nuovo paia di scarpe (regalate possibilmente). [caption id="attachment_20916" align="alignnone" width="622"] Una scena del film Sex and the City[/caption]  GUARDA LA PHOTOGALLERY CON LE IDEE SCARPIERE
CONDIVIDI

Come arredare casa

Il vostro prossimo progetto fai da te è dipingere la cucina? Se si vuole illuminare la cucina o creare un'atmosfera accogliente, ecco tutti i colori per le pareti della cucina. Colori pareti cucina: il bianco Cominciamo con il colore standard per la cucina: il bianco, un colore fresco e pulito, ideale per la cucina. Il bianco può anche non essere noioso. Quando si hanno pareti bianche, si può sempre giocare con il colore dei piani della cucina, lampade, stoviglie ed accessori. Colori pareti cucina: il rosso Dicono che il rosso come colore per le pareti della cucina, stimoli non solo l'appetito, ma faccia perdere  alle persone la cognizione del tempo. Così la vernice rossa è perfetta per una grande cucina in cui normalmente si trascorre tanto tempo o se amate quei pasti che indugiano fino a tarda sera tutti insieme. Quando si utilizza una tonalità luminosa di colore rosso, si dovrebbe farlo con parsimonia ad esempio dipingendo solo una parete di rosso, oppure come rivestimento o negli accessori. Colori pareti cucina: il verde Volete aggiungere un tocco pop all'arredamento della cucina? Giocate con il verde mela. Questa tonalità audace dona grinta e gioia, e potete usare questo colore anche in una cucina con elettrodomestici eleganti e materiali moderni. Se amate il verde, ma volete qualcosa di un po' più tranquillo, usate una tonalità di verde più chiaro. Colori pareti cucina: il giallo Dipingere tutte le pareti della cucina di giallo può essere un po' troppo, meglio dipingere una sola parete di giallo. Per aggiungere un po' di energia alla cucina, prendete in considerazione un giallo limone per una sola parete oppure dipingete l'interno delle credenze se hanno sportelli a vetro. Colori pareti cucina: arancio zucca L'arancione è un colore che non viene considerato spesso come colore per le pareti della cucina.  Tuttavia, una calda tonalità di arancio-zucca può dare molto calore alla cucina. Questo colore va bene soprattutto con mobili in legno scuro e per dare un'atmosfera country. Colori pareti cucina: il grigio Il grigio è il colore più di moda in questo momento, anche come colore per le pareti della cucina. Il grigio è molto versatile perché neutro e può essere mixato con qualsiasi colore, dal turchese al rosa. Colori pareti cucina: il blu Si dice che il blu non sia ideale come colore per le pareti della cucina perché blocca l'appetito.  Ma se dosato bene nella tonalità più accesa o semplicemente virando verso un azzurro, questo colore può essere perfetto per farci immergere in un'atmosfera rilassante in cucina. Colori pareti cucina: cioccolato Se avete mobili e pavimenti chiari o bianchi, aggiungete un po' di calore alla stanza dipingendo una parete color cioccolato. I marroni scuri sono sofisticati e rilassanti. Se realizzate tutta la cucina in marrone, ricordatevi di aggiungere qualche tocco di colore con complementi ed accessori gialli o verdi. Colori pareti cucina: il nero Volete una cucina diversa dalle altre? Dipingete le pareti della cucina in nero e mettetele a contrasto con controsoffitti, accessori e mobili della cucina in bianco.  Questa combinazione di colori è elegante e moderna. Un'altra alternativa è utilizzare la vernice lavagna, così sulle pareti potrete anche scrivere il menù del giorno. Colori pareti cucina: color tortora Invece di utilizzare il classico bianco o il grigio potreste puntare sul color tortora, invitante e rilassante. Si può lavorare con qualsiasi stile di cucina dal tradizionale al contemporaneo e non passa mai di moda. Questo colore si può abbinare a qualsiasi altra tonalità,  dal rosa al verde menta fino al marrone intenso.  GUARDA LA PHOTOGALLERY CON LE IDEE CUCINA PER LE PARETI
CONDIVIDI
Segui Leonardo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv