Una vita per il teatro, una casa per la vita
Kledi Kadiu, la sua casa e le sue passioni
Antonio Annichiarico e il suo rifugio d'artista

La casa per Antonio Annicchiarico, designer, architetto, artista è uno spazio interiore, per lui quasi un eremo, in cui sospendere la confusione del contemporaneo, e dove accogliere, nel silenzio, l'emozione del risveglio e il successivo lavoro del pensiero. La casa e i suoi oggetti sono fatti di materia concreta e immaginazione.
Gli uliveti, le lame, le gravine del paesaggio pugliese, la sua luce, sono stati i primi maestri di Antonio Annichiarico. Ha scelto di vivere a Grottaglie, da esule nella sua terra di origine. Grottaglie con la sua lunga tradizione di lavorazione della ceramica, ha offerto ad Antonio Annicchiarico la possibilità di manipolare una materia legata alla storia del territorio. Le sue crete, le sue terre impastate, il suo sapere artigianale. Antonio è partito proprio da questo materiale della tradizione per spingersi lungo nuovi percorsi.

Intersecata dai vicoli del centro storico, la casa di Antonio Annicchiarico, appartiene al contesto in cui è stata costruita, e sono passati i secoli, in tufo di Puglia. Tuttavia la casa si raccoglie su se stessa ed è abitazione e laboratorio, spazio in cui pensare, sperimentare, creare. E' stata restaurata con attenzione ai materiali e alle tecniche di costruzione originali, tufo non intonacato, si sviluppa su tre piani con un patio centrale. Da terra, una vite sale fino al terrazzo.

Questa casa è stata il suo primo laboratorio di sperimentazione e conoscenza della materia. Sul patio al primo piano si affacciano le stanze, della parte giorno, cucina, salone, studio, comunicanti, un anello intorno al cortile centrale. Anche Antonio, nomade della contemporaneità, tesse tappeti, ma lo fa con la ceramica. Sui pavimenti o appesi alle pareti, sono opere d'arte ospitate nelle gallerie del mondo.

La fuga dalla città di Antonio Annicchiarico consiste nel trovare uno spazio e un tempo in cui essere a contatto con se stesso e con le proprie radici culturali. Instaurando con Grottaglie, la Puglia, la sua terra natale un rapporto di vicinanza ma anche di distacco. La sua casa è il suo filtro con l'esterno, il suo rifugio e il suo pensatoio.

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Case VIP

Chi vive a Roma sa bene che è sufficiente percorrere un tratto di Salaria in direzione di Rieti per trovarsi catapultato, dopo un’ora circa di strada, in una dimensione completamente estranea alla città, fatta di boschi, caratteristici borghi e distese di uliveti. [caption id="attachment_25725" align="alignnone" width="622"] “Il mio rapporto con la campagna è vitale”, confessa Grazia Di Michele. “Sento un bisogno estremo di isolarmi dal rumore, dalla città, dal traffico e vengo qui ogni volta che posso”.[/caption] Buen retiro ideale per chi è a caccia di un’oasi di benessere non distante dalla città, venticinque anni fa, in netto anticipo rispetto alla dilagante voglia di campagna che si   respira oggi, questo territorio ha conquistato anche Grazia Di Michele, cantautrice romana di successo e docente della scuola del programma televisivo “Amici”, e sua sorella Joanna, che di lì a poco avrebbe lasciato gli Stati Uniti per ristabilirsi in Italia. [caption id="attachment_25719" align="alignnone" width="622"] In queste pagine, la grande terrazza protesa sulla vallata del casale principale, circondato da 25 ettari di campagna che integra alberi da frutto, aree boschive e un grande uliveto. Per il servizio, Grazia Di Michele indossa gli abiti tailor made di Roberto Prili Di Rado[/caption] Il desiderio di avere un punto di appoggio non distante da Roma, dove potersi rilassare al rientro dalle tournée e dai viaggi, fa maturare così l’idea di comprare un grande appezzamento di terreno -circa 25 ettari - e di edificarvi un casale, progettato secondo un personale parametro di gusto. [caption id="attachment_25720" align="alignnone" width="622"] Nella campagna e nel giardino, ogni pianta è stata messa a dimora giorno dopo giorno, selezionata nel pieno rispetto dell’ambiente naturale, rifuggendo dalla tentazione di inserire specie non autoctone. Il risultato è una rigenerante distesa verde, che accoglie gli ospiti con i suoi profumi appena si varca il cancello della proprietà.[/caption] Mi innervosiscono gli ambienti pubblici che impongono musica a tutto volume, perché puoi chiudere gli occhi, ma non le orecchie. Questo, al contrario, è un ambiente low-fi, dove riesci a distinguere il canto di un uccello o il verso di un animale, un’esperienza ormai rara in una civiltà visiva, quella di un Dio che è diventato immagine e che non è più verbo. E poi questa è una delle poche zone in Italia ad ospitare ancora lucciole e farfalle”. [caption id="attachment_25723" align="alignnone" width="622"] Riferimenti aztechi, vasi messicani e ceramiche di fattura italiana definiscono la storia della casa, arredata a poco a poco. Nelle nicchie in peperino rosa, statue di La Paz, in Bassa California. Nella pagina successiva, Grazia di Michele posa nella cucina, rivestita con ceramiche di Vietri.[/caption] La sensazione di appagamento che regala la vista della campagna e dei monti Reatini non si affievolisce varcata la soglia di casa, una composizione armonica di arredi di famiglia e oggetti acquistati in giro per il mondo, che hanno trovato in questo ambiente la loro perfetta ragion d’essere. Come il vaso messicano a righe bianche e blu che spicca nel living, una burla degli artigiani locali nei confronti dei conquistatori spagnoli, evocati dal coperchio a forma di elmetto. [caption id="attachment_25722" align="alignnone" width="622"] Tappeti persiani, afghani e messicani riscaldano l’ambiente, arredato con divani e poltrone di fattura artigianale e mobili di famiglia. Gli stipiti di porte e finestre sono incorniciati da marmo peperino rosa, proveniente dalle cave di Viterbo. Nella nicchia a destra della porta d’ingresso si scorgono una coppia di vasi di Venini e la tela di un pittore bulgaro del 1900.[/caption] Sul pavimento in cotto, tappeti persiani, afghani e messicani riscaldano ulteriormente l’ambiente, in un continuo rincorrersi di tradizioni e culture. “In tutta la casa ci sono oggetti che hanno una storia ed ogni pezzetto è entrato piano piano a comporne gli arredi”, spiega Grazia Di Michele. [caption id="attachment_25724" align="alignnone" width="622"] Con affaccio sul giardino, la camera da letto è la stanza dei ricordi; il letto in ferro battuto è stato realizzato da artigiani polacchi; il camino in terracotta, pezzo raro non riproducibile, è opera di un artigiano toscano; le tende sono tirolesi.[/caption] Un work in progress al quale non si sottrae neppure la zona notte, con la camera da letto della cantautrice, arredata con il letto in ferro battuto realizzato dalla squadra di artigiani polacchi che lavorato alla costruzione dei casali; le tende tirolesi acquistate a Merano. GUARDA LA PHOTOGALLERY DEL CASALE DI GRAZIA DI MICHELE Di Anita Laporta Foto di Gianni Franchellucci  
CONDIVIDI

Case VIP

Sarah Jessica Parker e suo marito Matthew Broderick mettono in vendita la propria abitazione a New York, nel Greenwich Village. Dopo aver acquistato questa townhouse solo l'anno scorso a 19 milioni di dollari ed averla completamente rinnovata e ristrutturata, Sarah Jessica Parker e Matthew Broderick hanno rimesso in vendita la residenza a 25 milioni di dollari. [caption id="attachment_24041" align="alignnone" width="622"] Il salotto della casa di Sarah Jessica Parker[/caption] La casa è di oltre 6.800 metri quadrati e si estende su 4 piani. La townhouse è strutturata con 6 camere da letto, 5 bagni, 7 camini ed è dotata di un sofisticato sistema domotico. [caption id="attachment_24042" align="alignnone" width="622"] La cucina della casa di Sarah Jessica Parker[/caption] La coppia attualmente vive nel West Village di Manhattan con i figli James, di 9 anni e le gemelle, Marion e Tabitha Broderick. [caption id="attachment_24043" align="alignnone" width="622"] La camera da letto di Sarah Jessica Parker[/caption] Di certo però la coppia ha un tetto sicuro, visto che Sarah e Matthew possiedono altre case a Manhattan e negli Hamptons, ed una casa vacanze vicino Kilcar, un villaggio nella contea di Donegal, in Irlanda, dove Matthew Broderick ha trascorso le sue estati da bambino. [caption id="attachment_24044" align="alignnone" width="622"] La sala da bagno di Sarah Jessica Parker[/caption] Se intanto vi trovate a New York, potete chiedere alla padrona di casa di farvi visitare la dimora. L’indirizzo è:  20 E 10th St New York, NY10003 (Manhattan - New York)
CONDIVIDI

Case VIP

Melba Ruffo vive a New York, interpretando il ruolo di ambasciatrice delle eccellenze italiane. Ha scelto la zona dell’Upper Manhattan, più tranquilla ed elegante, preferita da vari personaggi internazionali e dalla esclusiva società americana, e lo stesso palazzo storico dove ha abitato il grande attore italo-americano Ben Gazzara, scomparso l’anno scorso, in cui vive ancora sua moglie Elke. [caption id="attachment_23960" align="alignnone" width="622"] La scala che dall’ingresso conduce al living, con scalini rivestiti in granito nero. Alla parete quadro pop di Caceres Y Mirando. Pavimento del living in parquet brunito.[/caption] Melba Ruffo ha restaurato l’open space con un taglio contemporaneo e ha dipinto di bianco le pareti, per far risaltare il colorato ed eclettico bagaglio della sua vita, con il risultato di un loft animato e pieno di personalità: anfore di Puebla, vasi di Santo Domingo, mobili e oggetti italiani, arte spagnola, tutto ciò che le ricorda le varie tappe della sua vita. [caption id="attachment_23964" align="alignnone" width="622"] Nel living, divano a elle in pelle bianca Lucrezia, disegnato da Antonio Citterio per la collezione Maxalto di B&B Italia, con cuscini optical di Klemp e pouff in vacchetta di B&B Italia.[/caption] L’atmosfera è calda e raffinata, arricchita da opere d’arte come il quadro pop, ispirato alla simbologia della propaganda di Mao, di Caceres Y Mirando, artisti molto amati in Spagna, sulla parete lungo la scala, o la preziosa tela dorata del pittore Gerard Schneider, nel living. Melba interrompe il candore del grande divano a elle in pelle bianca, disegnato da Antonio Citterio, con cuscini optical bianco e nero, in tono con il pouff in vacchetta, che funge da coffee table, esaltato dal parquet brunito, in armonia con il granito dell’ingresso. [caption id="attachment_23962" align="alignnone" width="622"] Sul piedistallo, statua di Goa dell’800 di S. Giorgio a cavallo. A terra, quadro di un giovane artista che ritrae Melba in diversi momenti.[/caption] Un pianoforte di famiglia, che Melba spesso suona, divide il living dalla zona pranzo, arredata da un tavolo ovale italiano in noce dipinto di nero, a cui sono abbinate sedie in pelle nera e rossa; il rosso, colore preferito di Melba, illumina anche la parete di fronte al tavolo, su cui risalta la tela del famoso pittore spagnolo José Maria Sicilia, trattata con pigmenti multicolori. [caption id="attachment_23959" align="alignnone" width="622"] La cucina di Boffi è un ambiente essenziale, giocata sul contrasto bianco/nero. A parete, foto di un artista contemporaneo.[/caption] L’attigua cucina di Boffi superaccessoriata, in acciaio e lacca bianca, custodisce i segreti di Melba per essere sempre in una forma smagliante: tanti tipi di tè, tisane di erbe, spezie esotiche e prodotti naturali. [caption id="attachment_23958" align="alignnone" width="622"] Nella camera da letto, poltroncina in vacchetta degli anni ’60; sulla finestra, scultura di Burma riportata da un viaggio in India. Alla parete, una foto di André Kertész. Anche in questa stanza, alternanza di nero e di rosso, con il pouff di Kartell.[/caption] Nella camera da letto, Melba abbina comodini ricoperti in coccodrillo al letto molto lineare disegnato da Antonio Citterio e alle applique in acciaio. Sulla testiera trionfa una splendida tela di José Maria Sicilia, mentre foto vintage di André Kertész del 1920 decorano la parete di fronte. In questo rifugio solare come lei, Melba si sente felice e sempre pronta ad affrontare la vita e nuove sfide che in qualche modo la riportino in Italia, la sua seconda patria, che ama senza riserve e che è sempre fiera di rappresentare. GUARDA LA PHOTOGALLERY DELLA CASA DI MELBA RUFFO di Marina Pignatelli foto di Gianni Franchellucci  
CONDIVIDI
Segui Leonardo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv