alice lifestyle leonardo marcopolo

Zaha Hadid, definita “la First Lady dell’architettura contemporanea“, celebre per i suoi progetti futuristici come, tra gli ultimi, lo stadio del nuoto dei Giochi di Londra 2012 e il MAXXI di Roma, è morta di infarto il 31 marzo in un ospedale di Miami dove era in cura per una bronichite. L’archistar britannico-irachena aveva 65 anni.

Foto di Zaha Hadid

Era nata a Baghdad e aveva studiato a Beirut e a Londra

Zaha Hadid non è solo un architetto e una designer ma anche un un simbolo per tutte le donne. Zaha Hadid infatti, socia fondatrice di Zaha Hadid Architects, è stata insignita del Pritzker Architecture Prize nel 2004, considerato il Nobel dell’architettura, ed è internazionalmente conosciuta per il suo lavoro di costruzione, di teorica e accademica. Tutti i suoi progetti, innovativi e dinamici, si basano su oltre trenta anni di sperimentazione rivoluzionaria e di ricerca nei settori interconnessi dell’urbanistica, dell’architettura e del design.

Il suo design è innovativo e riconoscibile per le forme sensuali e futuristiche.

Le opere di Zaha Hadid

Foto dell'esterno del Maxxi di Roma

L’esterno del Museo Maxxi di Roma

Foto dell'interno del Museo Maxxi

L’apertura del Museo Maxxi a Roma

Lavorando con i senior partner dello studio Patrik Schumacher, l’interesse di Hadid si è focalizzato nell’interfaccia rigorosa tra architettura, paesaggio, la geologia e la pratica che integra la topografia naturale e i sistemi artificiali che portano alla sperimentazione di tecnologie all’avanguardia. Tale processo si traduce spesso in forme architettoniche insolite e dinamiche.

Foto del BMW Central Building

L’architettura del BMW Central Building a Leipzig by Zaha Hadid

Il MAXXI: Museo Nazionale dell’Arte del 21° secolo a Roma, il BMW Central Building a Leipzig e il Phaeno Science Center a Wolfsburg sono prove eccellenti della ricerca alla pratica per il complesso spazio dinamico.
Precedenti edifici, come il Rosenthal Center for Contemporary Art a Cincinnati e l’Hoenheim-Nord Terminus a Strasburgo sono stati salutati come architettura che trasforma la nostra visione del futuro con nuovi concetti di spazio e di forme audaci e visionarie.

Foto del London Aquatic Centre Zaha Hadid

Zaha Hadid Architects, London Aquatics Centre, Parco Olimpico, Londra

Collaborazioni con artisti, designer, ingegneri e clienti che portano le loro industrie hanno avanzato la diversità della pratica e la conoscenza, mentre l’implementazione di tecnologie “state-of-the-art” hanno aiutato la realizzazione di strutture architettoniche fluide, dinamiche, e quindi complesse.

Guarda le altre opere di Zaha Hadid

Maxxi World Building 2010 – Fotogallery
Citylife Milano di Zaha Hadid Architects – Fotogallery
Phaeno Science Center di Zaha Hadid Architects – Fotogallery
BMW Central Building di Zaha Hadid Architects – Fotogallery
Aquatics Centre di Londra di Zaha Hadid – Fotogallery

Nessun contenuto correlato.

Share This